fallacie logiche

Fallacie logiche, fallacies, fallacie.

Menu principale
Presentazione: principali fallacie
Cerca
1 Siamo più degli altri
2 FALLACIA AD VERECUNDIAM
3 Patata bollente
4 Fallacie in combinazione
5 Ocean eleven
6 Fallacia del nirvana
7 La scelta
8 Errore perduttivo
9 Troll
10 Offeso
11 Opinionista
12 Non l'ho detto
13 Fallacia Naturalistica
14 La cooperazione
15 Halo effect
16 Cavallo che ride
17 Chi è folle?
18 Assoluten
19 Straw man
20 Lavazza
21. In rerum natura
22 Falsa dicotomia
23 Genialità di un condottiero
24 EAUI
25 Ripetuto quindi vero
26 Hate love
27 Il vero scienziato
28 Odino
29 Sono dappertutto
30 Pentimento e conoscenza
31 Bias di conferma
32 Norme morali
33 Orgoglio a buon mercato
34 Oggettività dell'indagine
35 Pendio scivoloso
36 Boccadoro e lo specismo
37 Feyerabend e Aristotele
38 Cigni neri
39 Povero ma felice
40. C. S. Peirce e l' Abduzione
41 La fabbrica del consenso
42 essi più o meno ignorano
43 straw man, relativismo e democrazia
44 la democrazia diretta nell'età di Pericle
45 Attenzione al vestito!
46. Le stronzate
47. L'Effetto Spettatore
48. La Mente Dello Sperimentalista
49 Valori tradizionali
50. volens nolens
51. L. MAGNANI AGGIORNA I. KANT
52. Luogo comune e Senso comune
53. non occorre essere filosofi
54. Il signor Finzione
55. hate speech
56. trasparenza dei valori e oclocrazia
57. Reductio ad Hitlerum
58. l'occhio nel muro
59. La Fallacia Antropocentrica
60. Sulla Meritocrazia
61. Il corpo della donna
62. Inno alla Conoscenza
63. lasciar fiorire tutte le vite
64. Internet, TV e cervello
65. sul relativismo etico
66. Fallacia per implicatura
67. Asintoticamente
68. Realtà 1 e 2
69. nè nè ma
70. Etica della guerra e civili
71. La Purificazione
72. I giovani prima??
73. Modi di scrivere
74. Declassamento del narcisismo
75. Tu non puoi capire!
76. Globalizzazione
77. Gatta ci cova!
78. Il dna dei Bin Laden
79. Da Norimberga in poi
80. Lei, Io e la Fratellanza
81. Polarizzazione di Gruppo
82. La tesi dell'asimmetria
83. sulle definizioni preliminari
84. Sul progresso morale
85. La Logica dell'Avvocato
86. Il ministro Brunetta
87. La Logica della Morte?
88. Sulla natura del ragionamento
89. "seeking chances" ed esperire
90. fuoco e fiamme
91. Oltre l'apparenza
92. Normale e Diffuso
93. Esperienza e Logica
94. Gossip e Potere
95. Creativi non si nasce
96. L'adultocentrismo
97. fanatismo allo specchio
98. assioma e dogma
99. La Fama
100. Scelta e Decisione
101. M. Trainito su U. Eco
102. reasoner before reasoning
103. Essere senza Tempo
104. Immunizzazione cognitiva
105. Caso e Necessità
106. Dissonanza Cognitiva
107. Rovescismo di Chesterton
108. Argomento Ipotetico
109. Post Hoc Fallacy
110. A nescire ad non esse
111. Statistical Fallacies
112. L'onere della Prova
113. Falsa Analogia
114. Vaghezza dei termini
115. Il Paese?
116. Argument from Consequences
117. Bagarre con capra
118. Desiderio non è Verità
119. Contingenza nella causa?
120. Il senso della vita
121. L'Amaro Averna
122. Sul Populismo
123. Effetto Domino
124. Essere e Dover Essere
125. L'Orologio Guasto
126. Sull'Austerità
127. Lo sfigato da 500 Euro
128. Dawkins and The Telegraph
129. Embubblement and Violence
130. Le implicature di Travaglio
131. Mezzo Campo
132. L'Ideologia
133. La società sessuale
134. Sull'Orgoglio
135. Apologia di Palamede
136. Ad Misericordiam
137. Principio di precauzione
138. Tollerare l'intolleranza?
139. Sul revisionismo storico
140. Omologa ed Eterologa
141. L'esclusiva dei Sogni
142. Red Herring
143. Disordinato o Disordered?
144. No, i broccoli no!
145. Sulla Deduzione
146. I Sensi e L'Autorità
147. Non solo scandalo
148. Scientifica o Umanistica?
149. Varallo
150. La coscienza delle piante
151. Il bosone di Sgreccia
152. L'oro e la fame
153. Loaded term: riduzionismo
154. L'amore di Cacciari
155. Darwin
156. Libero Arbitrio?
157. Aspirina e Stato Etico
157 b. Sul "linguaggio fascista"
158. Tre Luminari sull'Aids
159. Through doing morality
160. Socci e San Luca
161. Ad Humanitatem ed Essenza
162. C. Perelman
163. Leggere con la pennellessa
164. Azzeramento alla Polverini
165. Le Pene della Menzogna
166. Una strana coincidenza
167. Il discorso teologico moderno
168. Il gioco della veritá
169. IBE
170. Sul QI
171. Il Circo a Vercelli
172. L'alba della morale
173. Ti Estin
174. Una storia Inquinata
175. Arbitri e Umanisti
176. A colpi di straw man
177. Scienza o Multinazionale?
178. Pluralismo logico
179. Metafore e Verità
180. Diritto alla Carità?
181. Le Travagliate
182. Fallacia del finto tonto
183. It's me
184. Fatti e Interpretazioni
185. Lo scettro
186. Filosofia della Violenza
187. Il rifiuto di Protagora
188. Un messaggio di pace
189. Le massime
190. Il grattacielo e le rime
191. Sulla Coerenza
192. Embodied Cognition
193. Le scarpe più belle
194. Violenza soggettiva e sistemica
195. Sulla "Complessità"
196. Maschi e Femmine
197. Il cane sulla zattera
198. La Valvola di Sfogo
199. Neuroscienze a Vercelli
200. Voto consapevole?
201. Genocidio intellettuale
202. perle ai porci
203. Etica ed Estetica
204. Confabulazione
205. Una retromarcia?
206. I Saggi
207. Alessitimia
208. TdL
209. La Cieca Obbedienza
210. Mostra o Minestra?
211. Fact Checking
212. Tutela al contrario
213. Philarghyrìa
214. Altro mondo non c'è
215. Una storia plurale
216. verità, scienza, potere
217. Benaltrismo
218. Eufemismo
219. Borghese
220. Rai Filosofia
221. Tutto o Niente
222. Furbizia Orientale
223. Disobbedienza civile
224. Fede e Scienza
225. Being purposive
226. Modi di scrivere
227. Acredine di Don Gallo?
228. Complottismo?
229. Perversione Narcisistica
230. Fallacia del Gambler
231. Indissolubile
232. La responsabilità dell'ingannato
234. Contraddizione performativa
235. I Volti della Passione
236. Non solo parole
237. Spontaneo un corno
238. Blaming the victim
239. La Fisiognomica
240. Un Sogno di Rivolta
241. Cari Amici
242. Lobby e Associazione
243. Sui destinatari
244. L'Identità
245. Non Human First?
246. Aggressività e Prevenzione Etica
247. Falsa Univocitá
248. Sui sensi e sui pensieri
249. Cecità attenzionale
250. I pigliatutto
251. Uomo di Paglia
252. Caso Cancellieri
253. Il contratto
254. Può piacere o non piacere ma
255. Lutto ed Empatia
256. Una liturgia
257. Data Dump
258. Comunicazione e scopi
259. Default
260. Tributo Emotivo
261. Non è una preferenza
262. Salotti e Serve
263. Strumentalizzazione dei malati
264. Strumentalizzazione 2
265. Sul Kitekat
266. Animalità
267. Anticausale
268. Reichsjaegermeister
269. Marius
270. Opinione o discriminazione?
272. Riconciliazione
273. Booby Trap
274. Dinosauri stupidi?
275. "argomento" della reciprocità
276. Centonovantaquattro e dintorni
277. Il doppio standard
278. Quaderni Neri
279. Sulla Cronologia della Mente
280. Trivialità e Volgarità
281. La Conventicola
282. Cambiare
283. L'Onda Perfetta
284. Delasia
285. Mr. Bean
286. Dove ci porta la scienza
287. Speculazione sull'oscurità
288. Volo sull'Acheronte
289. La nobile arte dell'insulto
290. Gli esempi limite
291. Anticonformismo?
292. La mente degli altri
293. Opus Metachronicum
294. Ab Ovo usque Ad Mala
295. Ad Temperantiam
296. Fallacia dell'etnomorfismo
297. Oltre la specie
298. Fallacia dell'antispecismo metafisico
299. Fallacia Inversa
300. tanto rumore per un orso
301. Debunking?
302. Sciovinismo descrittivo & Co
303. Legge di Sturgeon
304. La scopa di Occam
305. Logica, Etica e Nutrizione
306. Fallacie Causali
307. Fallacia del Cavallo di Troia
308. Satira e Diffamazione
309. Esempi personali e statistiche
310. Le radici profonde dell'altruismo
311. Bias eiettivo e processo antropodecentrativo
312. Filosofia Bene Comune
313. L'etichetta
314. Fallacia della Piccionaia
315. Uomo di latta e uomo di paglia
316. Animali fuori dalla Costituzione?
317. Uccideresti l'uomo grasso?
318. Errore categoriale
319. Il corpo della modernità
320. Origine dell'uomo
321. Antropomorfismo?
322. Le persone pazienti
323. Superamento dell'utilitarismo
324. Il cervello plastico
325. Il bene relativo
326. Intelligenza e "razze"
327. Dire quello che si pensa
328. Neuroscienze e Diritti Umani
329. L'Obiezione dei Custodi
330. Sessismo e gruppi sociali
331. Ideologi dell'ideologia
332. Riduzione a fallacia
333. Parte in Causa su Radio Radicale
334. L'intelligenza delle emozioni
335. Dennett e Nagel a confronto
336. Fraintendere l'ad verecundiam
337. Fascinazione del contrario
338. Hater and not-me fallacy
339. Istruzioni per un uso consapevole
340. Solo una moda?
341. Nè scusa nè accusa
342. I linguaggi del vivente
343. Sul tatto
344. Nuove parole per l'autismo
345. Freedamned
346. Ne parlano i non ignoranti ...
347. Il cappello piumato
348. Io è una parola di tre lettere
349. Meritocrazia: altri volti
350. La fallacia della borsa di tolfa
351. La ragione dello sragionare
352. Tra inglesismi e indifferenziate
353. Il virus di Giulio Giorello
354. Sul politicamente scorretto
355. Sul negazionismo, variante
356. La tirannia della bellezza
357. Libertà personale e libertà del mercato
358. Fallacia della similitudine estesa
359. Le fallacie logiche sulle donne transgender
360. IRRIVERENDER
361. Il cercatore della pepita di letame
362. Dare voce alle ribelli locali
363. Credere alle cazzate
364. Passing e Sacrificio
365. Buon compleanno MARX, avevi ragione!
366. Patriarcato e moderno controllo della filiazione
367. Femminismo Materialista
368. Femminismo neoliberista e freedom fallacy
369. Libertà ma senza pollo, replica
370. Leggi e individui delle altre specie
371. Educazione sentimentale reazionaria
372. Inquisizione, contestualizzabile?
373. Gender Revolution


Fallacie logiche, fallacies, fallacie.

fallacie logiche
139. Sul revisionismo storico
giovedì 26 aprile 2012


(articolo comparso il 15 luglio 1938 in prima pagina su "Cronaca Prealpina") (***)

Negli ultimi tempi si è  assistito ad un’opera di revisionismo storico (1)  volto a mettere in primo piano un certo numero di partigiani colpevoli di vendette arbitrarie (gravi episodi, giustamente da ricostruire e ricordare) al mero fine di minimizzare (mettendo sullo stesso piano fascisti e antifascisti)  la portata di un movimento di opposizione interno molto più forte che in Germania , che ha salvato la dignità e l’immagine degli italiani: senza il movimento partigiano la colpa avrebbe potuto essere interpretata come collettiva (così è stato in Germania in realtà: dopo la guerra si è portato avanti un vero processo di denazificazione, al contrario dell’Italia, dove la Resistenza, che mai ebbe un unico colore (Comitato Nazionale di Liberazione), aveva capillarmente diffuso informazione e speranza).  Si rifletta anche su quanto segue: gli Alleati hanno raso al suolo intere città, decimando volutamente la popolazione civile (si veda Dresda (2)  e l'atomica, fra i vari esempi). Fatti ben più tremendi degli atti  di alcuni partigiani. Eppure questo non viene sottolineato. Perché? 1) non serve a fini politici, vale a dire a legittimare le destre 2) effettivamente e sicuramente non si possono mettere gli americani sullo stesso piano dei tedeschi. Molti gli errori, ma essi  hanno contribuito in maniera decisiva e senza equivoci ad abbattere i regimi fascisti. Quanti milioni e rispettivamente centinaia di migliaia di morti hanno causato la seconda Guerra Mondiale e le varie guerre di conquista, vale a dire le mire imperialistiche della Germania nazista e dell’Italia fascista? Non cadiamo quindi nell’errore logico dell’azzeramento (tu quoque, si veda la presentazione del sito al punto relativo),  truccando le proporzioni e operando una voluta confusione tra chi in Italia ha distrutto il diritto e chi lo ha ricostruito, al fine di cancellare deliberatamente quei meriti dai quali è scaturito oggi il nostro stato di diritto e la nostra COSTITUZIONE.  Parlando con taluni fascisti pare di capire che dal fascismo ci abbia liberato il fascismo stesso… oppure che esso si sia dileguato per magia, Provvidenza Divina o  puro Caso…, oppure ancora che “tra qualche secolo” sarà impossibile esprimere un giudizio di valore (relativismo etico, in quanto non tutto puó essere "contestualizzato", vale a dire giustificato: si veda il punto Nr. 65 del Menu - un Consigliere Comunale di Vercelli ha fatto un parallelo con Cesare e Pompeo...), dimenticando che il fascismo è subentrato con brogli e bruta violenza  ad un regime democratico preesistente, distruggendolo (assassinio di Giacomo Matteotti), annientando le libertà democratiche e quindi valori e istituzioni già diventate patrimonio di un popolo (retrocessione etica e culturale), instaurando una dittatura che si è macchiata a livello teorico e pratico di orrendi crimini contro l’umanità, camminando fianco a fianco con il nazismo e sviluppando originalmente una propria teoria della razza. Vergognosi inoltre gli azzeramenti che vengono operati da taluni il Giorno della Memoria, ovvero delle vittime del fascismo/nazismo: chiunque scriva qualcosa sul tema si vede confrontato con un "anche i comunisti commisero crimini": noi ci chiediamo, ma cosa c'entra? noi non siamo comunisti, neppure negazionisti come costoro, perché deviare l'attenzione dalla commemorazione di queste vittime con altri temi e altre vittime, per quanto reali e importanti? La risposta é: azzerare, operare minestre per porre tutto sullo stesso piano (si veda anche l'antipolitica odierna),  in ultima analisi per riproporre i vecchi modelli. O contrapporsi fittiziamente, in epoca moderna, a partiti avversari (Berlusconi, che nel gennaio 2013, in occasione del Giorno della Memoria, non invitato decide di partecipare alla commemorazione rievocando le "cose buone" del fascismo, nell'esternazione dei propri fini e ideali, nonchè della propria ignoranza storica come è stato giustamente rilevato, è in realtà meno ipocrita di quanti in tale giorno hanno deciso con medesimo fine di commemorare altre vittime).

(1) http://www.ilportaledelsud.org/rovescismo.htm  (Sulla differenza tra revisionismo e revisione. Ricerche storiografiche serie e obiettive sul tema sono state fatte anche con il supporto dell’Istituto di Storia della Resistenza, si veda la Storia della Resistenza nel Biellese, quale esempio)
(2) La dottrina del "moral bombing" contemplava  la distruzione a tappeto di intere città (compresi i quartieri residenziali, gli edifici pubblici, le chiese e i monumenti architettonici), lo scopo era quello di “fiaccare” la volontà del popolo tedesco: la conseguenza fu la morte deliberata di centinaia di migliaia di civili. Se a tutti è nota la tremenda distruzione subita da Dresda e Amburgo, meno conosciuta è la sorte di Pforzheim, Dortmund, Darmstadt, Krefeld, Kassel e di moltissime altre città, rase al suolo o irreparabilmente sfigurate da cinque anni di bombardamenti aerei e di devastanti incendi.

L’Italia è un paese che in realtà non si è mai vergognato nella dovuta misura delle pratiche razziste del fascismo e delle sue avventure coloniali, da cui rigurgiti nostalgici più o meno consistenti fino ai nostri giorni. Tanto che rappresentanti di partiti ufficialmente ammessi all’agone politico possono permettersi frasi come  “oggi 25 aprile io non ho nulla da festeggiare” (Storace).

 Perché? Vi è stata innanzitutto una implicita richiesta di dimenticare, giustificata con la necessità di ricostruire, ma ancora più significativa è l’attribuzione al nazismo di ogni responsabilità e di aver condizionato il fascismo italiano, presentato come succube. Solo Hitler fu il colpevole, il fascismo ne fu una vittima. Laddove al contrario il fascismo italiano fu fiero di elaborare una  propria  o r i g i n a l e forma di razzismo, che andava oltre  le leggi razziali emanate in Italia nel 1938 contro gli ebrei.

La concezione del razzismo in Italia deve essere essenzialmente italiana e l'indirizzo ariano nordico. Questo non vuole dire però introdurre in Italia le teorie del razzismo tedesco o affermare che gli Italiani e gli Scandinavi sono la stessa cosa. Ma vuole soltanto additare agli italiani un modello fisico e soprattutto psicologico di razza umana che per i suoi caratteri  puramente europei si stacca completamente da tutte le razze extraeuropee , questo significa elevare l'italiano a un ideale di superiore coscienza di se stesso  e di maggiore responsabilità (...) Il carattere puramente europeo degli italiani viene alterato dall'incrocio con qualsiasi razza extraeuropea   e portatrice di una civilità diversa dalla millennaria civilità degli ariani" (dal Manifesto della Razza) "

“La Difesa della Razza”  pubblicata quindicinalmente per cinque anni, dal 1938 al 1943,  definita dall’antropologo Guido Landra come “organo ‘tecnico’ del razzismo italiano (…)  era molto diffusa e aveva una tiratura, almeno inizialmente, di 140-150.000 copie (…) Obiettivo primario della “Difesa della Razza” era infatti quello di dimostrare non tanto la superiorità dei bianchi, quanto la superiorità della “razza italiana” su tutte le altre ‘razze’ – quindi ridefinire la gerarchia fra ‘razze’ ponendo quella italiana sopra tutte. Con “La Difesa della Razza” si assiste alla diffusione di un discorso ideologico sulla ‘razza’ finalizzato alla costruzione di un immaginario razzista collettivo. “La Difesa della Razza” era anche uno strumento di connessione delle leggi razziali con la propaganda razzista. Oltre, infatti, ai vari articoli, nella rivista sono presenti continui riferimenti alle leggi proclamate dal regime di Mussolini e ai loro aggiornamenti (…)Tale mutamento della funzione dell’antropologia va visto in stretta relazione alla nascita dell’impero fascista. Per fare sì che gli italiani si riconoscessero in una nuova identità – non più solo nazionale ma imperiale – l’elemento razziale doveva acquisire una nuova connotazione in modo da ottenere due effetti contemporanei. Da una parte, bisognava giustificare in termini di supremazia razziale l’immenso sforzo bellico compiuto per la conquista dell’Etiopia. D’altra parte, e soprattutto, l’esistenza ‘scientificamente’ dimostrata di una gerarchia di razze era il presupposto necessario per il controllo e la disciplina della colonizzazione demografica dei territori dell’Africa orientale, la garanzia di quella “collaborazione senza promiscuità” che il regime esigeva nelle colonie e per ottenere la quale di lì a breve avrebbe promulgato apposite leggi (…) Il meticciato, che era dall’inizio dell’impresa coloniale una realtà di fatto, con l’impero diventò metafora  della promiscuità che avvelena la purezza della ‘razza’, e la lotta contro il meticciato assurse a lotta per l’affermazione definitiva della supremazia razziale del colonizzatore sul colonizzato. Già il percorso di costruzione nazionale aveva portato alla definizione di un’identità razziale per gli italiani. Con la dichiarazione dell’impero questa identità fondata sulla purezza di sangue svolse un ruolo centrale nella definizione delle politiche coloniali (…)” (Nicoletta Poidimani)

Già nel luglio del 1933 venne fatta una prima legge che, in Eritrea e Somalia, escludeva i meticci dai diritti della razza bianca. La razza doveva essere difesa dall'imbastardimento e, per fare questo, si presero misure tese ad evitare il caos delle razze e il rischio degli incroci.

“Nel 1936 si vietò la comune partecipazione a luoghi di ritrovo, e nel 1937 si giunse alla legge che comminava fino a 5 anni a chi vivesse con una donna di colore. Dei figli a sangue misto si vietò persino il riconoscimento. Le donne che avessero avuto rapporti sessuali con uomini di colore erano trattate ancor peggio, perché offendevano “la purezza della razza” e “la virilità dell’uomo bianco”. In compenso, il governo si fece carico di inviare in Africa Orientale un buon numero di prostitute italiane.
Italiani ed etiopi dovevano vivere in luoghi distinti. Gli etiopi erano classificati di razza inferiore, e ciascuno di loro, se incrociava un italiano, doveva scendere dal marciapiede per lasciarlo passare. Questa apartheid trovava la sua giustificazione nelle teorie dell’antropologo Cipriani. Per Cipriani*, l’Italia non doveva cercare di elevare il livello di vita dei popoli coloniali, né imporre la propria civiltà , perché questi erano incapaci di assimilarla. Un incrocio delle razze avrebbe portato alla decadenza della popolazione europea. Gli africani dovevano essere considerati come bambini, la loro gioia si esauriva in semplici passatempi, la loro educazione doveva consistere nella memorizzazione di pochi fatti elementari” (dal sito iniziativalaica.it)

*(Lidio Cipriani, antropologo fascista) ....l'Africa agli africani porterebbe solo barbarie...del resto a questo porta la nostra forma mentis la cui struttura psicologica trasmette i caratteri indelebili della romanità attraverso i secoli e rinnova senza soluzione di continuità l'idea imperiale fondata su Roma. E ciò che in altre parole aveva detto nel 1926 Benito Mussolini quando a Tripoli aveva definito il suo viaggio in quella terra un'affermazione della forza del popolo italiano, una manifestazione di potenza del popolo che da Roma ripete le proprie origini eporta il Littorio trionfante e mmortale di Roma sulle rive del mare africano..."

La Teoria secondo cui la razza africana sarebbe stata irrimediabilmente inferiore legittimò inoltre la scelta politica di non costruire scuole "tanto che in settant'anni di presenza italiana in Africa nessun indigeno ebbe la facoltà e i mezzi per ottenere un diploma o una laurea" (Angelo del Boca, "Il mito del buon italiano")

Nel seguente link tutti i provvedimenti presi contro gli ebrei dal regime fascista (1938-1944): http://www.fisicamente.net/MEMORIA/index-635.htm

E il bellissimo discorso di Giorgio Napolitano il 25 aprile 2012: http://www.italia-news.it/politica-c14/quirinale-c358/25-aprile-il-discorso-del-presidente-giorgio-napolitano-76188.html

(***) 
http://www.varesenews.it/ilgiornodellamemoria/testimonianze/laforgia.html

(su Tewodros e l'abolizione della schiavitù in Etiopia):
http://solleviamoci.wordpress.com/2007/05/14/etiopia-mussolini-schiavitu-facciamo-un-po-di-storia/

 "At any rate, slavery was banned in Ethiopia long before the United States abolished slavery in the 19th Century. For example Emperor Zera Yaqob (1433-1468) banned slavery of all Christians, and his descendant Emperor Susinios (1607-1632) reaffirmed and continued that edict against slavery. Emperor Tewodros II was vehemently anti-slavery, and had edicts against slavery. Emperor Menilik II had continued that tradition against slavery. The reference by the House to the 1923 antislavery act gives the wrong idea as if Ethiopia was still a slave owning society up to that late date,which was contrary to the tradition of Ethiopia" (Tecola W. Hagos)

Il Consigliere Comunale di Vercelli Emanuele Pozzolo su  “Cesare e Pompeo”: http://www.vercellioggi.it/dett_news.asp?id=33912

Risposta su “Cesare e Pompeo”: http://www.vercellioggi.it/dett_news.asp?id=33999

Mi capita spesso di incontrare persone anche molto colte e antifasciste dire "ammettiamo però che anche il fascismo ha fatto delle cose buone". Un bellissimo riassunto delle cose buone, quelle che taluni altri riportano come controaltare all'abbattimento violento della democrazia, alle leggi razziali, all'alleanza fraterna e culturale con il peggio della storia umana.

http://www.lastradainsalita.it/2010/09/04/quel-che-di-buono-ha-fatto-il-fascismo/

“Buongiorno a tutti. Oggi posterò un articoletto che attende la pubblicazione da circa un anno. Me lo aveva chiesto un amico, ma non ho mai il tempo per metterlo a posto e finirlo una volta per tutte. Ho rimandato per settimane e mesi, nell’attesa di trovare un minimo di tempo da dedicargli, ma alla fine è sempre finita in un nulla di fatto: il lavoro rimane incompleto con numerosi buchi ancora da riempire. Ora però voglio pubblicarlo lo stesso, malgrado le molte lacune ancora presenti. Magari, con l’aiuto di qualche lettore, possiamo arricchirlo e renderlo più completo in un secondo momento. In questo meraviglioso video si enunciano tutti i meriti del Fascismo.
Ok.
Il video ha però un problema di fondo. Un ENORME problema di fondo. Il problema non è affatto da poco perché verte in generale sul periodo storico mondiale in cui è nato e morto il fascismo. Fin qui ci siamo? Bene.
Passiamo al problema in sé. L’Italia fascista ha ottenuto dei buoni passi in avanti in certi ambiti del progresso, questo è vero, ma siamo sicuri che sia merito del Regime in vigore in quel periodo?
Faccio un esempio casereccio, poi passeremo ad analizzare il video.
Prendiamo internet. Sarebbe un po’ come se Berlusconi, domattina dicesse “Io all’Italia ho portato internet” solo perché il 90% della popolazione durante i suoi Governi si è dotato di internet. No, questo non significa portare internet. Soprattutto perché la stessa identica cosa è accaduta in tutte le nazioni occidentali in un certo qual modo assimilabili al tenore di vita italiano. Come tutti ben sapranno, rimanendo nell’esempio in questione, l’Italia non figura nei paesi più avanzati per quanto riguarda internet… anzi, la copertura, la velocità e le tariffe la mettono piuttosto indietro nelle classifiche. Dunque? Dunque è errato dire che internet sia merito del Governo, concordate?
Capito dove voglio andare a parare? Bene. Ora passiamo in rassegna i punti.

Bonifica terre paludose ***
Questa è in un certo senso una falsa credenza mista a mezze verità a cui ero cascato anch’io. Sì, nel periodo fascista si procedette con numerose bonifiche, ma non è vero affermare che l’Italia venne bonificata da Mussolini. Il grosso dei lavori venne fatto dal 1880 al primo ventennio
Dire quindi che il Fascismo sia da rivalutare perché ha bonificato le paludi è come dire che io sono da rivalutare perché ho la patente, un importante traguardo dell’umanità che consentirà alla mia famiglia di andare in giro in macchina. Esattamente come per le bonifiche, già il padre di mio padre, prima di me, aveva la patente.

Battaglia e vittoria del grano Anche qui la vittoria non è di Pirro ma ci manca poco. Ottenere il grano fu un traguardo importante, ma venne ottenuto come conseguenza dei nuovi fertilizzanti e dei nuovi campi bonificati. Insomma, un risultato quasi automatico che ha visto l’Italia tappezzarsi di grano a discapito di altre colture. Secondo recenti calcoli, per soddisfare il fabbisogno di grano dell’Italia bisognerebbe coltivarne a grano il 15% dell’intero territorio, città e montagne incluse.

Costruzione di nuove città come Pomezia, Littoria, Aprilia…E quindi? Berlusconi ha fatto Milano 2. Dovremmo ringraziarlo?

Innovazione nell’industria: 40 ore settimanali, 8 ore giornaliere Certo, un’innovazione importantissima. Ma l’Italia semplicemente si è adeguata ai tempi che cambiavano, esattamente come tutte le nazioni occidentali industrializzate. Negli Stati Uniti già se ne parla in una legge del 1867, poi ribadita nel 1886 dopo lunghi scioperi di protesta. In Russia nel ’17. In Spagna e in Portogallo nel ’19. In Italia arriva nel 1923. Francia e GB arrivano dopo ma arrivano comunque in quel periodo. Una vittoria del fascismo o dei tempi? Io propendo per la seconda ipotesi.

Libretto del lavoro Il libretto del lavoro venne inserito in Francia da François Guizot esattamente un secolo prima che in Italia: nel 1830. Proprio sul pezzo, noi italiani.

Carta del lavoro Da Wikipedia si legge: La Carta del Lavoro è il documento programmatico con il quale vennero fissate le principali linee guida della politica sociale italiana durante il fascismo. [...]
non ha valore di legge o di decreto [...].
Si compone di trenta assiomi, o enunciazioni. Quindi non è un codice, un’insieme di leggi. È solo un documento scritto da un partito. Un po’ come i dodici punti di Veltroni… o il contratto con gli italiani. Nulla di importante da ricordare, dunque.

Assicurazioni di invalidità e vecchiaia Scorretto. Nacquero nel 1898 con la CNAS (Cassa nazionale per le Assicurazioni Sociali)… che (vedi sotto)

INPS La CNAS nel 1933 divenne INFPS e nel ’43 perse la F di fascista e divenne INPS. Insomma, manco l’Inps hanno inventato.

ECA Le ECA sono il nuovo nome fascista delle vecchie Congregazioni di carità. Nulla di nuovo sotto il sole.

Inam L’Inam ho il fondato sospetto che sia stato creato nel periodo fascista. Diamo a Cesare quel che è di Cesare.

Corporazioni e sindacati fascisti I sindacati nacquero, in Italia, prima del Fascismo. Ma il regime li abolì e li sostituì con corporazioni fasciste. Dopo la guerra, con la caduta della dittatura, tornarono i sindacati.

Opera nazionale dopolavoro e sabato fascista
opera doposcuola
opera nazionale balilla
colonie per i ragazzi

Chiunque osi controllare e indirizzare il mio giorno di tempo libero non mi sta facendo un favore. Anzi, merita tutto il mio odio.
Il sabato fascista era un modo di intruppare e plagiare i ragazzini sin da piccoli. Hanno cancellato e vietato i boyscout e le organizzazioni ricreative della chiesa. Lo scopo non era far divertire o allenare o educare ma plagiare.

Casse rurali e artigiane Wikipedia: Si richiamavano alle banche tedesche ideate da Friedrich W. Raiffeisen.

 

Anche in questo caso, non un’invenzione del Ventennio ma un adeguamento al mondo contemporaneo. Tutela del lavoro donne e fanciulli
Opera nazionale maternità ed infanzia

L’argomento “donne durante il fascismo” meriterebbe un post a sé, ma non avendo tempo per scriverlo mi limiterò a suggerire questo link.

Il fascismo prese le mosse dall’assioma della diversità naturale tra uomini e donne per affermarla anche in campo sociale e politico a vantaggio degli uomini.

Primo Carnera campione del mondo Io avrei lasciato volentieri Primo Carnera fra i successi del fascismo: il grande e grosso omone che incarna tutte le virtù fasciste di patria, forza e di disciplina sportiva da superuomo. Essendo Carnera, pure fascista dentro, non avevo difficoltà ad ammettere questo punto. Ma spulciando la sua biografia scopro una cosa interessante: che la sua attività di pugile e la sua prestanza fisica non sono dovute all’allenamento fascistissimo italiano, ma a un allenamento francese. Già. Carnera divenne pugile in Francia, e solo da lì riuscì a decollare e a diventare famoso. Il fascismo, quindi, si impossessa della figura di Carnera solo quando questi sarà già diventato famoso.

Italo Balbo, prima trasvolata atlantica Italo Balbo, benché sia fascistissimo come e più di Mussolini, a me è sempre stato simpatico. Da qualche parte sul p2p c’è un bel documentario su di lui prodotto da Rai Storia-La storia siamo noi. Guardatelo che merita. Anche qui però c’è un problema. E il problema è dettato dall’orologio che ho appeso nella mia camera, perché con la sua scritta “Spirit of Saint Louis” mi ricorda che fu proprio quell’aereoplano a compiere la prima trasvolata, con a bordo Charles Lindbergh.

Giovanni Gentile, riforma della scuola Ok. Gliela concedo.

La prima enciclopedia La prima enciclopedia italiana. Senza scomodare l’Enciclopedie di Diderot and friends, e tutte le altre enciclopedie antiche, ricordiamo però che: All’inizio del Novecento l’Enciclopedia Britannica raggiunse la sua undicesima edizione e divennero comuni enciclopedie poco costose quali la Harmsworth’s Encyclopædia e la Everyman’s Encyclopædia.
Nel 1917 venne pubblicata a Chicago la prima edizione della World Book Encyclopedia.

In Italia arriva nel 1929.

Diritto allo sciopero Venne introdotto in Italia dal Codice Zanardelli nel 1889. Secondo Wikipedia: Con l’avvento del governo Mussolini, molte sue norme furono di fatto disattese e nel 1930 si arrivò alla formale soppressione del codice Zanardelli, che venne sostituito dal codice Rocco.
Ma il Codice Zanardelli, a dispetto della indubbia “anzianità”, è in dottrina considerato particolarmente “avanzato” e “lucido” rispetto al successivo Codice Rocco del 1930, emanato in piena logica repressiva dal regime fascista.

 

assistenza agli illegittimi abbandonati ed esposti
assegni familiari

Può essere, ma qui dice che sono nati dopo.


nazionale di calcio campione del mondo 2 volte consecutive
Questa la diamo buona. Non so come possa aver influito il fascismo ma non importa.

Umberto Nobile, tocca per primo il Polo Nord con il dirigibile Norge Questa pure.

vaccinazioni obbligatorie per i neonati Il vaccino per la difterite venne scoperto nel 1913.

Pirandello premio NobelWikipedia: La critica fascista non esaltava le opere di Pirandello, anche perché queste non erano in linea con gli ideali fascisti. Parecchi lavori furono ancora accusati dalla stampa di regime di disfattismo anche dopo il Nobel, e Pirandello finì anch’egli tra i “controllati speciali” dell’OVRA.

Innovazioni e architettura Innovazioni e architettura… Io rispondo con una fotografia. La Torre Littoria di Torino, also know as “pugno in un occhio” per la sua indubbia bellezza.

Autostrade, treni, porti, aeroporti Può darsi che il Fascismo abbia fatto molti aeroporti, ma d’altronde il primo aereo nasce nel 1903… Il merito è relativo.

La mille miglia Vero, la Mille Miglia l’hanno inventata in periodo fascista. Aymo Maggi, creatore della corsa, però non lo era.

Teatri Teatri? Hanno costruito teatri? Sarà, non ne ho idea. Per quanto riguarda l’arte teatrale, sempre da wikipedia (che cita anche fonti) riporto:

Di un teatro fascista si può quindi parlare riferendolo a quegli autori che, in modo dilettantesco e per ottenere i favori del regime, scrissero una serie di copioni dai contenuti ideologici fascisti celebranti la nascita del fascismo e le sue conquiste militari e sociali; lavori questi che non ebbero però mai risonanza presso il grande publico.
Dell’assenza di una produzione teatrale fascista dai toni elevati ebbe modo di lamentarsi lo stesso Mussolini.

Fiere e folclore FIERE E FOLCLORE?!?

L’impero… Oltre a Libia e Somalia vengono conquistate Etiopia ed Eritrea Un fulgido periodo, non c’è che dire…

Creati Parchi Nazionali: Gran Paradiso, Circeo, Stelvio
I Parchi vennero creati in periodo fascista, vero. Ma…

Gran Paradiso. Wikipedia. Il 3 dicembre 1922 re Vittorio Emanuele III firmava il decreto legge che istituiva il Parco Nazionale del Gran Paradiso. Vennero poi gli anni bui del parco. Nel 1933 fu abolita con regio decreto la Commissione Reale e la gestione del parco passò al ministero (fascista) per l’Agricoltura e Foreste. La sorveglianza, affidata alla Milizia Nazionale Forestale, divenne una sorta di servizio punitivo: venivano mandati dei malfattori o degli antagonistici politici, spesso non abituati alla rigidità della montagna, ad espiare le proprie pene (una specie di “piccola Siberia” italiana). La vigilanza perse d’efficacia, riprese il bracconaggio e a volte fu persino ordinato ai guardaparco di uccidere esemplari di stambecchi e di camosci della miglior specie per farne dono alle autorità militari.

Sconfitta della Mafia
Mori, inviato da Mussolini in Sicilia per combattere la mafia (non potevano esistere due poteri totalitari contemporaneamente) iniziò arrestando con metodi violenti la bassa manovalanza, ma quando cominciò a indagare l’alta mafia, quella collegata ai politici e ai fascisti, venne richiamato a Roma e “promosso” Senatore, stoppando tutto.

Grazie a Hytok e Alessandro per i consigli e il supporto su alcuni punti.”

*** sulle bonifiche

http://www.bonifica-uvb.it/Consorzi/Storia.aspx






 

 

 
fallacie logiche

13033 Costanzana (VC)

www.fallacielogiche.it gorgia1994@live.it

Contatore utenti connessi

realizzazione siti internet novara varese biella vercelli milano
Copyright 2018 www.fallacielogiche.it
All Rights reserved