fallacie logiche

Fallacie logiche, fallacies, fallacie.

Menu principale
Presentazione: principali fallacie
Cerca
1 Siamo più degli altri
2 FALLACIA AD VERECUNDIAM
3 Patata bollente
4 Fallacie in combinazione
5 Ocean eleven
6 Fallacia del nirvana
7 La scelta
8 Errore perduttivo
9 Troll
10 Offeso
11 Opinionista
12 Non l'ho detto
13 Fallacia Naturalistica
14 La cooperazione
15 Halo effect
16 Cavallo che ride
17 Chi è folle?
18 Assoluten
19 Straw man
20 Lavazza
21. In rerum natura
22 Falsa dicotomia
23 Genialità di un condottiero
24 EAUI
25 Ripetuto quindi vero
26 Hate love
27 Il vero scienziato
28 Odino
29 Sono dappertutto
30 Pentimento e conoscenza
31 Bias di conferma
32 Norme morali
33 Orgoglio a buon mercato
34 Oggettività dell'indagine
35 Pendio scivoloso
36 Boccadoro e lo specismo
37 Feyerabend e Aristotele
38 Cigni neri
39 Povero ma felice
40. C. S. Peirce e l' Abduzione
41 La fabbrica del consenso
42 essi più o meno ignorano
43 straw man, relativismo e democrazia
44 la democrazia diretta nell'età di Pericle
45 Attenzione al vestito!
46. Le stronzate
47. L'Effetto Spettatore
48. La Mente Dello Sperimentalista
49 Valori tradizionali
50. volens nolens
51. L. MAGNANI AGGIORNA I. KANT
52. Luogo comune e Senso comune
53. non occorre essere filosofi
54. Il signor Finzione
55. hate speech
56. trasparenza dei valori e oclocrazia
57. Reductio ad Hitlerum
58. l'occhio nel muro
59. La Fallacia Antropocentrica
60. Sulla Meritocrazia
61. Il corpo della donna
62. Inno alla Conoscenza
63. lasciar fiorire tutte le vite
64. Internet, TV e cervello
65. sul relativismo etico
66. Fallacia per implicatura
67. Asintoticamente
68. Realtà 1 e 2
69. nè nè ma
70. Etica della guerra e civili
71. La Purificazione
72. I giovani prima??
73. Modi di scrivere
74. Declassamento del narcisismo
75. Tu non puoi capire!
76. Globalizzazione
77. Gatta ci cova!
78. Il dna dei Bin Laden
79. Da Norimberga in poi
80. Lei, Io e la Fratellanza
81. Polarizzazione di Gruppo
82. La tesi dell'asimmetria
83. sulle definizioni preliminari
84. Sul progresso morale
85. La Logica dell'Avvocato
86. Il ministro Brunetta
87. La Logica della Morte?
88. Sulla natura del ragionamento
89. "seeking chances" ed esperire
90. fuoco e fiamme
91. Oltre l'apparenza
92. Normale e Diffuso
93. Esperienza e Logica
94. Gossip e Potere
95. Creativi non si nasce
96. L'adultocentrismo
97. fanatismo allo specchio
98. assioma e dogma
99. La Fama
100. Scelta e Decisione
101. M. Trainito su U. Eco
102. reasoner before reasoning
103. Essere senza Tempo
104. Immunizzazione cognitiva
105. Caso e Necessità
106. Dissonanza Cognitiva
107. Rovescismo di Chesterton
108. Argomento Ipotetico
109. Post Hoc Fallacy
110. A nescire ad non esse
111. Statistical Fallacies
112. L'onere della Prova
113. Falsa Analogia
114. Vaghezza dei termini
115. Il Paese?
116. Argument from Consequences
117. Bagarre con capra
118. Desiderio non è Verità
119. Contingenza nella causa?
120. Il senso della vita
121. L'Amaro Averna
122. Sul Populismo
123. Effetto Domino
124. Essere e Dover Essere
125. L'Orologio Guasto
126. Sull'Austerità
127. Lo sfigato da 500 Euro
128. Dawkins and The Telegraph
129. Embubblement and Violence
130. Le implicature di Travaglio
131. Mezzo Campo
132. L'Ideologia
133. La società sessuale
134. Sull'Orgoglio
135. Apologia di Palamede
136. Ad Misericordiam
137. Principio di precauzione
138. Tollerare l'intolleranza?
139. Sul revisionismo storico
140. Omologa ed Eterologa
141. L'esclusiva dei Sogni
142. Red Herring
143. Disordinato o Disordered?
144. No, i broccoli no!
145. Sulla Deduzione
146. I Sensi e L'Autorità
147. Non solo scandalo
148. Scientifica o Umanistica?
149. Varallo
150. La coscienza delle piante
151. Il bosone di Sgreccia
152. L'oro e la fame
153. Loaded term: riduzionismo
154. L'amore di Cacciari
155. Darwin
156. Libero Arbitrio?
157. Aspirina e Stato Etico
157 b. Sul "linguaggio fascista"
158. Tre Luminari sull'Aids
159. Through doing morality
160. Socci e San Luca
161. Ad Humanitatem ed Essenza
162. C. Perelman
163. Leggere con la pennellessa
164. Azzeramento alla Polverini
165. Le Pene della Menzogna
166. Una strana coincidenza
167. Il discorso teologico moderno
168. Il gioco della veritá
169. IBE
170. Sul QI
171. Il Circo a Vercelli
172. L'alba della morale
173. Ti Estin
174. Una storia Inquinata
175. Arbitri e Umanisti
176. A colpi di straw man
177. Scienza o Multinazionale?
178. Pluralismo logico
179. Metafore e Verità
180. Diritto alla Carità?
181. Le Travagliate
182. Fallacia del finto tonto
183. It's me
184. Fatti e Interpretazioni
185. Lo scettro
186. Filosofia della Violenza
187. Il rifiuto di Protagora
188. Un messaggio di pace
189. Le massime
190. Il grattacielo e le rime
191. Sulla Coerenza
192. Embodied Cognition
193. Le scarpe più belle
194. Violenza soggettiva e sistemica
195. Sulla "Complessità"
196. Maschi e Femmine
197. Il cane sulla zattera
198. La Valvola di Sfogo
199. Neuroscienze a Vercelli
200. Voto consapevole?
201. Genocidio intellettuale
202. perle ai porci
203. Etica ed Estetica
204. Confabulazione
205. Una retromarcia?
206. I Saggi
207. Alessitimia
208. TdL
209. La Cieca Obbedienza
210. Mostra o Minestra?
211. Fact Checking
212. Tutela al contrario
213. Philarghyrìa
214. Altro mondo non c'è
215. Una storia plurale
216. verità, scienza, potere
217. Benaltrismo
218. Eufemismo
219. Borghese
220. Rai Filosofia
221. Tutto o Niente
222. Furbizia Orientale
223. Disobbedienza civile
224. Fede e Scienza
225. Being purposive
226. Modi di scrivere
227. Acredine di Don Gallo?
228. Complottismo?
229. Perversione Narcisistica
230. Fallacia del Gambler
231. Indissolubile
232. La responsabilità dell'ingannato
234. Contraddizione performativa
235. I Volti della Passione
236. Non solo parole
237. Spontaneo un corno
238. Blaming the victim
239. La Fisiognomica
240. Un Sogno di Rivolta
241. Cari Amici
242. Lobby e Associazione
243. Sui destinatari
244. L'Identità
245. Non Human First?
246. Aggressività e Prevenzione Etica
247. Falsa Univocitá
248. Sui sensi e sui pensieri
249. Cecità attenzionale
250. I pigliatutto
251. Uomo di Paglia
252. Caso Cancellieri
253. Il contratto
254. Può piacere o non piacere ma
255. Lutto ed Empatia
256. Una liturgia
257. Data Dump
258. Comunicazione e scopi
259. Default
260. Tributo Emotivo
261. Non è una preferenza
262. Salotti e Serve
263. Strumentalizzazione dei malati
264. Strumentalizzazione 2
265. Sul Kitekat
266. Animalità
267. Anticausale
268. Reichsjaegermeister
269. Marius
270. Opinione o discriminazione?
272. Riconciliazione
273. Booby Trap
274. Dinosauri stupidi?
275. "argomento" della reciprocità
276. Centonovantaquattro e dintorni
277. Il doppio standard
278. Quaderni Neri
279. Sulla Cronologia della Mente
280. Trivialità e Volgarità
281. La Conventicola
282. Cambiare
283. L'Onda Perfetta
284. Delasia
285. Mr. Bean
286. Dove ci porta la scienza
287. Speculazione sull'oscurità
288. Volo sull'Acheronte
289. La nobile arte dell'insulto
290. Gli esempi limite
291. Anticonformismo?
292. La mente degli altri
293. Opus Metachronicum
294. Ab Ovo usque Ad Mala
295. Ad Temperantiam
296. Fallacia dell'etnomorfismo
297. Oltre la specie
298. Fallacia dell'antispecismo metafisico
299. Fallacia Inversa
300. tanto rumore per un orso
301. Debunking?
302. Sciovinismo descrittivo & Co
303. Legge di Sturgeon
304. La scopa di Occam
305. Logica, Etica e Nutrizione
306. Fallacie Causali
307. Fallacia del Cavallo di Troia
308. Satira e Diffamazione
309. Esempi personali e statistiche
310. Le radici profonde dell'altruismo
311. Bias eiettivo e processo antropodecentrativo
312. Filosofia Bene Comune
313. L'etichetta
314. Fallacia della Piccionaia
315. Uomo di latta e uomo di paglia
316. Animali fuori dalla Costituzione?
317. Uccideresti l'uomo grasso?
318. Errore categoriale
319. Il corpo della modernità
320. Origine dell'uomo
321. Antropomorfismo?
322. Le persone pazienti
323. Superamento dell'utilitarismo
324. Il cervello plastico
325. Il bene relativo
326. Intelligenza e "razze"
327. Dire quello che si pensa
328. Neuroscienze e Diritti Umani
329. L'Obiezione dei Custodi
330. Sessismo e gruppi sociali
331. Ideologi dell'ideologia
332. Riduzione a fallacia
333. Parte in Causa su Radio Radicale
334. L'intelligenza delle emozioni
335. Dennett e Nagel a confronto
336. Fraintendere l'ad verecundiam
337. Fascinazione del contrario
338. Hater and not-me fallacy
339. Istruzioni per un uso consapevole
340. Solo una moda?
341. Nè scusa nè accusa
342. I linguaggi del vivente
343. Sul tatto
344. Nuove parole per l'autismo
345. Freedamned
346. Ne parlano i non ignoranti ...
347. Il cappello piumato
348. Io è una parola di tre lettere
349. Meritocrazia: altri volti
350. La fallacia della borsa di tolfa
351. La ragione dello sragionare
352. Tra inglesismi e indifferenziate
353. Il virus di Giulio Giorello
354. Sul politicamente scorretto
355. Sul negazionismo, variante
356. La tirannia della bellezza
357. Libertà personale e libertà del mercato
358. Fallacia della similitudine estesa
359. Le fallacie logiche sulle donne transgender
360. IRRIVERENDER
361. Il cercatore della pepita di letame
362. Dare voce alle ribelli locali
363. Credere alle cazzate
364. Passing e Sacrificio
365. Buon compleanno MARX, avevi ragione!
366. Patriarcato e moderno controllo della filiazione
367. Femminismo Materialista
368. Femminismo neoliberista e freedom fallacy
369. Libertà ma senza pollo, replica
370. Leggi e individui delle altre specie
371. Educazione sentimentale reazionaria
372. Inquisizione, contestualizzabile?
373. Gender Revolution


Fallacie logiche, fallacies, fallacie.

fallacie logiche
216. verità, scienza, potere
sabato 04 maggio 2013

Di   LENI REMEDIOS

Il fatto che una cultura sia dominante non significa necessariamente che sia vera. È un tema complessissimo, che merita l’attenzione e l’approfondimento che qui non possiamo dare. Tuttavia, caro lettore, vorrei che tu lo tenessi presente come filo fondamentale del ragionamento che mi appresto ad intrecciare.

Per il momento solo alcune riflessioni a riguardo, giusto per gettare almeno un po’ di luce. Prima di tutto nella scelta delle parole: quando noi parliamo di cultura dominante ci riferiamo implicitamente ad una verità che, per l’appunto, domina. Ma siamo davvero sicuri che fra le caratteristiche precipue della verità ci sia la volontà di dominare? Non sarà forse un inganno della nostra mente il ragionamento per cui, in parole molto banali, la ragione è dalla parte del più forte?

Guardando sia alla sapienza dell’Oriente che alle antiche radici filosofiche dell’Occidente, con le dovute distinzioni, vien da chiedersi invece se la Verità sia qualcosa presso la quale porsi in ascolto, da accogliere come un ospite illustre. Chiunque abbia masticato un po’ di filosofia si ricorderà che Socrate si rivolgeva allo schiavo di Menone non per impartirgli la lezione di geometria bensì, attraverso le domande ed il dialogo, per far emergere dall’interiorità dello stesso schiavo la dimostrazione dei teoremi di geometria. Si chiama metodo maieutico: il far emergere il sapere da noi stessi, quasi un processo di risveglio, attraverso l’uso corretto della ragione.

Eppure l’Occidente (e l’Oriente occidentalizzato) non è andato in quella direzione ed in particolare la filosofia, la quale “[...] viene solitamente interpretata come la caccia della verità con il “fucile della ragione”, benché molte volte non sia che un inseguire la chiarezza con “la pistola del calcolo”[1].

“Come funziona la ricerca? Oggi il ricercatore autonomo che ha una grande idea, magari anche di grande interesse sociale, come può accedere ai fondi per la ricerca?” chiese Milena Gabanelli, giornalista, a Giuliano Preparata, fisico teorico[2]: “Praticamente non ha nessuna chance”. “Ma allora sbagliano tutti? Qualcosa di giusto ci sarà?” “No. La scienza, nel corso di questo secolo, è diventata un fatto socio-economico importantissimo, cosa che non era all’inizio di questo secolo [...]. Il vero aspetto della scienza, che provoca poi tecnologia, è che è filosofia naturale, è investigazione della natura e io spesso dico ai miei studenti che l’investigazione della natura, la ricerca scientifica non può essere una carriera, deve essere una sorta di missione. Perché se uno ha in mente la carriera ha in mente altre cose per cui, giustamente, se una cosa dà fastidio ai grandi poteri non si fa”[3].

Ho voluto indagare. Ho voluto capire se quel che diceva Preparata, quasi un canto di morte della Verità e della Libertà in ciò che paradossalmente viene ritenuta l’era delle libertà conquistate, fosse mera esagerazione, frutto magari di una frustrazione personale, o se fosse la spia di un disappunto reale presente all’interno del mondo scientifico. E a questo punto il problema si è inevitabilmente allargato. Non rimane, non può rimanere un dibattito solo interno al mondo degli addetti ai lavori o degli appassionati in materia.

E non solo perché l’apparato tecnico-scientifico sia, volenti o nolenti, invasivo di ogni aspetto della nostra vita quotidiana.

Mi son ritrovata ad un certo punto a ripercorrere i binari della fusione fredda[4], attratta dall’innumerevole quantità di problemi filosofici, politici, concettuali, aperti da questa straordinaria vicenda scientifica e umana. 

Essa farà un po’ da guida in questo excursus, per tre ragioni fondamentali: 1) prima di tutto per avere un esempio concreto su cui riflettere, senza perderci in un eccesso di speculazione. 2) Perché, dopo ventiquattro anni dall’annuncio di Fleischmann e Pons, se ne può finalmente parlare in termini relativamente più sereni, complici anche il battage mediatico sul nostrano e-cat e soprattutto grazie al riconoscimento della teoria da parte del paese che l’aveva stigmatizzata, ovvero gli Stati Uniti, primariamente da parte della NASA. Si dirà che questo tipo di parabola sofferente riguardante l’introduzione di una nuova teoria è stata alquanto ricorrente nella storia della scienza. Ci occuperemo di quanto di ciò sia vero e di quanto ci sia invece di distorto. 3)La terza motivazione è quella più importante: come dicevo, mi sono resa conto di come la “fusione fredda” s’inserisca in un quadro concettuale più ampio, di cui essa è solo “la punta di un iceberg” come scrisse lo stesso Preparata[5].

Vorrei cioè invitare il lettore a fare lo sforzo di uscire dallo schema semplicistico che legge in questo episodio della nostra storia “solamente” la scoperta di una nuova fonte energetica. Si tratta anche di questo, ma non solo di questo. Si tratta di nuovi paradigmi scientifico-concettuali che, sulla base delle ultime frontiere della fisica quantistica, sconquassano certezze culturali date ormai per stabilite e quasi irremovibili. Andiamo anche oltre: non si tratta solo di nuovi paradigmi, di nuove teorie: ma anche di un cambiamento radicale nell’approccio con la realtà, un nuovo modo di considerare il rapporto io-mondo e che riguarda quindi non solo l’osservatore scientifico, bensì tutti noi.

Chiariamo subito un aspetto che riguarda soprattutto le parti critiche: non mi propongo qui di propinare una verità o di dimostrare la veridicità o meno di certe posizioni, non ne ho le competenze e non è nemmeno il mio intento, come si evince dalle suddette premesse. Tuttavia accolgo la lezione pasoliniana nel sottolineare il dovere, per un intellettuale, di esercitare al massimo grado la propria capacità critica e d’indagine e tentare di ristabilire “[...] la logica là dove sembrano regnare l’arbitrarietà, la follia e il mistero”[6].

Sia nella pars destruens che nella pars construens, costituenti questo saggio, saranno ampiamente presenti due attori: il pensiero filosofico, che sta invero alle fondamenta di tutto il ragionamento e lo stato d’emergenza in cui versa la nostra civiltà. Si tratta di un’emergenza multiforme: energetica, economica, culturale, osiamo anche la parola spirituale (in un senso ulteriore rispetto a quello strettamente confessionale. Vedremo che quest’ultimo aspetto emergenziale fa in modo di accelerare doverosamente processi culturali che in realtà non sono nuovi all’umanità, ma appunto lo stato non più prorogabile in cui ci troviamo aiuta a ri-considerarli e a re-investirli di nuova luce, proprio “alla luce” delle nuove scoperte scientifiche e di un nuovo modo di stare al mondo, supportato da un pensiero filosofico finalmente rinnovato. Infine, il lettore è caldamente invitato a verificare le affermazioni che seguono ed a mettere in moto a sua volta il proprio spirito critico, anche e soprattutto nei confronti di questo scritto.

PARS DESTRUENS: zombie science, discredito patologico, pseudo-scetticismo ovvero come la Scienza ha tradito se stessa

Pochi mesi fa è uscito nel Regno Unito un volume dal titolo Nemmeno ci provano: la corruzione della vera scienza a cura di Bruce Charlton, professore di Medicina Teorica all’università di Buckingham. In questo libro riprende, argomentandolo ampiamente, un tema che aveva già affrontato in precedenti articoli e cioè lo stato di estrema corruzione in cui versa l’establishment scientifico attuale. Nel 2009 coniò la definizione di zombie science per definire il fenomeno e lo spiega così: “Quando una branca della scienza basata su teorie incoerenti, false o finte sta servendo uno scopo utile ma non-scientifico può essere mantenuta da continue trasfusioni di denaro da parte di coloro i cui interessi non-scientifici essa serve. Tale gruppo di interesse si muove, tuttavia non è veramente vivo, agisce con intenzione ma non può essere ucciso; è un non-morto senza sensibilità, animato esternamente dai fondi: una scienza zombie”[7].

Più di un decennio prima Emilio Del Giudice, fisico teorico, già scriveva: “Questa prospettiva di progresso impetuoso della scienza nasce però nell’epoca storica in cui le esigenze poste dalla struttura economica della società ad una scienza, i cui ricercatori si sono vincolati ad aderire alle richieste di profitto dei capitali già investiti che richiedono stabilità di prospettive, hanno ingessato la sua dinamica interna, vincolandola a restare abbracciata alla sua carne morta, al suo cadavere, a quello che ha prodotto in un momento storico dato e che deve restare in vita finché i capitali investiti non abbiano fruttato fino all’ultima goccia”[8].

Ma non basta. Per mantenere questo status lo “zombie” deve fare piazza pulita, utilizzando metodi compatibili con l’assetto sociale democratico, di persone e teorie che potrebbero scompaginare i suoi piani. Il modo più semplice è quello di ridicolizzarle. Immagino che il lettore attento s’indispettisca, ritenendo quest’ultimo un atteggiamento inammissibile, molto poco scientifico.

In effetti Roberto Germano, ricercatore indipendente che si è occupato in maniera approfondita di fusione fredda, definisce quest’aspetto pseudo scetticismo, rifacendosi al concetto di discredito patologico coniato dal premio nobel Brian Josephson. Quest’ultimo aveva osservato che, così come succede che scienziati troppo entusiasti e poco attenti diano eccessivo credito a scoperte che poi si rivelano non-reali (fenomeno definito dal chimico Irving Langmuir scienza patologica), allo stesso modo può succedere che fenomeni reali siano rigettati dalla comunità scientifica sulla base di pregiudizi. Ovvero, spiega Germano, le nuove teorie non vengono falsificate attraverso gli appositi procedimenti e gli opportuni controlli, bensì vengono rifiutate per partito preso. Oppure, nel caso in cui siano state verificate, i risultati semplicemente non vengono pubblicati, quindi non sono nemmeno sottoponibili alla revisione dei pari comunemente utilizzata per ratificare una teoria[9]. Il tutto rimane così in preda a congetture, insulti, satira, generalmente nel web o nei media in generale. L’uomo della strada è talmente abituato al modello mediatico delle discussioni urlate, dei dibattiti in cui chi più insulta vince, che in tutto questo non ci vede nulla di strano, ed accetta il verdetto della comunità scientifica come un decreto istituzionale[10].

A questo punto è utile introdurre l’esempio della fusione fredda, illustrante un paradigma “comportamentale” che potrebbe avere punti in comune con molti altri casi, conosciuti e non. Nel marzo del 1989 due elettrochimici, l’inglese Martin Fleishmann ed il suo allievo americano Stanley Pons, indirono una conferenza stampa presso l’Università dello Utah, in cui annunciarono al mondo i risultati di esperimenti scientifici autofinanziati durati cinque anni: “la fusione nucleare, con una produzione utilizzabile di calore, si poteva generare facendo una semplice elettrolisi di acqua pesante, con elettrodi di Palladio e Platino; senza temperature stellari, senza costi stratosferici e senza fisici nucleari”[11].

Se si pensa che venne proposta in laboratorio una replica di quanto avvenga ordinariamente nelle stelle a temperature elevatissime, si considera inevitabile che una teoria del genere fosse destinata ad un normale, iniziale scetticismo di fondo, come ben spiega lo scienziato Eugene Mallove in un’intervista del 1998[12], lui scettico fra gli scettici. Ma dal normale e sano scetticismo, che sempre accompagna l’introduzione di una nuova teoria, si passò rapidamente ad un vero e proprio accanimento e lo si notò nel progressivo indurirsi delle parole: da pseudoscienza e scienza patologica si passò a definizioni come “fiasco scientifico del secolo” e addirittura al termine “frode”.

Le accuse giunsero in prima battuta dall’American Physical Society: si trattava pur sempre di due chimici che ritenevano di aver fatto una scoperta sensazionale laddove i fisici, trainati dal grande e dispendioso carro della fusione calda, stavano fallendo. Non è un particolare da poco. In questo esempio ci sono due fondamentali questioni in ballo: due specializzazioni scientifiche che sembrano non comunicare propriamente fra loro (lo vedremo quando si affronterà il tema della frammentazione del sapere) ed il flusso dei fondi già prestabilito in una certa direzione[13].

Poi accaddero molti episodi “oscuri”, dei quali ricordiamo il più lampante. Il prestigioso Massachussetts Institute of Technology, MIT, che nella persona del suo direttore Ronald Parker aveva bollato la fusione fredda come “frode”, rese pubblici i propri esperimenti in merito, nei quali non si verificava eccesso di calore e quindi si decretava la proposta di Fleischmann e Pons come menzognera. Ricordiamo che gli scienziati del MIT si occupavano di fusione calda nelle loro ricerche. Eugene Mallove, allora caporedattore scientifico dell’ufficio stampa del MIT, si accorse che i dati dei grafici erano stati manomessi: dove stava la vera frode? Indignato dalla vicenda e da altri episodi collegati, Mallove si licenziò dal MIT. Da allora divenne un acceso sostenitore della fusione fredda e fondò Infinite Energy, una rivista che diresse  per circa quindici anni, fino alla cruenta morte nel 2004 in seguito ad un’aggressione. Molti sospetti sono stati sollevati verso questo triste frangente, e per aumentare il carico di complottismo diciamo pure che ad un certo punto Fleischmann “scopre di avere una parte di intestino aggredita da centinaia di piccoli tumori, che potrebbero essere compatibili con un avvelenamento da polvere radioattiva molto localizzato”[14] e riesce a salvarsi in extremis con un’operazione in patria. Diciamo pure che la stessa identica cosa accadde al nostro Giuliano Preparata, ma per lui fu troppo tardi: ne morì nel 2000. Lascio al lettore la facoltà di indagare ulteriormente e di decidere se si tratti di paranoia complottista o altro[15].

Dopo la fatidica conferenza stampa del 1989, gli esperimenti si moltiplicarono in tutto il mondo, a livello esponenziale, anche e soprattutto nel nostro paese e sempre di più con il passare degli anni. La campagna denigratoria verso la fusione fredda in generale, complice lo stato di “acriticità diffusa” dei media[16], oggettivamente dipendenti, per ignoranza in materia, dai cosiddetti esperti, è stata così forte ed efficace da provocare un effetto psicologico che dura ancora oggi: l’induzione del pensiero “aprioristico” che occuparsi di fusione fredda porti alla ridicolizzazione e che, quindi, sia opportuno non occuparsene[17].

Si capisce bene quindi che l’ordine degli interrogativi a questo punto si sposta. La domanda non è più “perché così tanta resistenza ad una nuova teoria?” bensì, riprendendo le parole dello stesso Fleischmann “chi potrebbe volere il successo di questa ricerca”? Tuttavia, come disse lo stesso Mallove, “L’hanno solo rallentata, ma non possono fermarla”[18].  Io invece mi fermo qui con questo caso, ma solo per ora.

Come si è arrivati a tutto ciò? Intendo, come si è arrivati ai comportamenti degenerativi che si evincono certo da questa vicenda ma che sembrano caratterizzare l’ambiente scientifico in generale? La storia della scienza è relativamente recente. Per come la conosciamo, essa ha poche centinaia di anni. È soprattutto a partire da fine Settecento che essa ha iniziato un cammino in ascesa, con una velocità sempre crescente in termini di nuove scoperte e di affinamenti metodologici. Poi è arrivato il grande intreccio col potere politico ed economico, che aveva fiutato negli scienziati un serbatoio d’idee utile alle proprie ideologie, soprattutto quelle militari. E così si è giunti alla Big Science, che si fa generalmente coincidere con la seconda guerra mondiale e con lo sviluppo del famigerato Progetto Manhattan, programma di ricerca finalizzato alla realizzazione delle prime bombe atomiche: centinaia di menti e migliaia di lavoratori coinvolti in uno dei più grandiosi laboratori di morte che la storia abbia mai contemplato.

Più o meno da quel momento in poi le scienze e gli scienziati hanno progressivamente perso sempre di più il legame con la Verità per seguire quello dei fondi, tramutandosi in un gigantesco apparato burocratico autoreferenziale, dove il ricercatore persegue i programmi che sono più papabili di stanziamento di denaro e dove il riconoscimento delle teorie avviene non tanto nell’ambito dei test e delle verifiche, quanto nella pubblicazione ufficiale stessa consacrata dal meccanismo della peer review, che non è altro che un giudizio, da parte di colleghi più anziani ed esperti, certamente, ma pur sempre un giudizio, molto spesso condizionato da centri di potere collegati ad alcuni membri componenti la stessa commissione giudicante.

Insomma, da cercatore della Verità lo scienziato si sarebbe trasformato in un burocrate professionista disonesto; preferibilmente dall’intelligenza mediocre e dalla personalità non troppo accentuata, poiché gli si chiede di adeguarsi ad un piano, non di procedere secondo le sue brillanti intuizioni[19]. La Scienza poi, colei che si è liberata dalle autorità religiose in nome di una ricerca laica e scevra da condizionamenti, colei che ha riposto una fede granitica nel metodo ipotetico deduttivo e che impugna il principio popperiano della falsificabilità, insomma proprio lei, ha finito con l’inchinarsi al principio d’autorità: una teoria è vera o falsa perché lo dico io. Da sistema di teorie verificabili o falsificabili a dogma.

Ma facciamo un passo indietro. Apparato tecnico-scientifico, civiltà della tecnica, etc.: sono, giustamente, argomenti ricorrenti nei dibattiti filosofici degli ultimi anni. Secondo la visione di Emanuele Severino, uno dei nostri più grandi filosofi, l’attuale stato della scienza e della tecnica, chiamato appunto apparato, è la conseguenza naturale, il frutto di un terreno che è stato seminato, preparato dalla filosofia stessa, precisamente quella filosofia che, a partire dai Greci, ha interpretato il divenire degli enti (il loro nascere e morire) come un venire dal nulla e ritornare nel nulla. Di fronte ad una precarietà così radicale dell’esistente, che genera angoscia, l’umanità ha avuto bisogno di volta in volta di fare riferimento ad un Immutabile, che fosse al contempo garante di questo divenire e rimedio all’angoscia provocata dal divenire stesso: gli dei, Dio, le ideologie, i vari sistemi economico-politici, ed infine l’apparato tecnico-scientifico il quale, progressivamente, ha scalzato tutti gli Immutabili portatori di Episteme (Verità incontrovertibile) affermandosi come la vera e propria ideologia dominante.

Anche quando le altre ideologie (politiche, economiche, religiose) si servono dell’Apparato, prosegue Severino, in realtà s’illudono, poiché sono esse stesse, semmai, a servire l’Apparato, diventato, da mezzo che era, scopo[20]: “Sulla scacchiera, cioè all’interno dell’essenza dell’Occidente, preparata dal pensiero greco, l’Apparato scientifico-tecnologico è il nuovo rimedio contro il dolore provocato dalla fede nel divenire. È l’ultimo Dio”[21].

La differenza fondamentale con le altre forme di dominio è che l’Apparato tecnico-scientifico non si pone come Verità Assoluta Incontrovertibile, al contrario: poggiando saldamente sul metodo ipotetico-deduttivo, essa si rende disponibile ad essere smentita. È questo, potremmo aggiungere, lo status fondamentale della scienza: l’essere in continua evoluzione, il rimettersi in discussione senza affossarsi su rigidi dogmatismi. La distruttrice di ogni episteme quindi, finalmente libera dal giogo delle autorità religiose, politiche, economiche, s’impone sulla civiltà umana come la massima espressione della fede nel divenire, ovvero la fede nel fatto che tutto venga dal nulla e torni nel nulla. Gli enti (le persone, le cose, gli elementi della natura) in questo modo vengono concepiti come assolutamente precari, in preda alla voracità del nulla. Ed è la loro estrema precarietà a renderli manipolabili, dominabili: l’Apparato tecnico-scientifico procede come uno schiacciasassi, macina sempre nuove scoperte, teorie, paradigmi e pone sempre nuove finalità. Nulla può fermare questo processo, che sembra senza limiti: “E tale potenza [...] non è qualcosa di statico, ma  indefinito potenziamento, incremento indefinito della capacità di realizzare scopi”[22]. La sempre crescente parcellizzazione del sapere è funzionale alla volontà di manipolare, dominare le cose: più io isolo una cosa dal contesto più posso esercitare su di essa la mia volontà manipolativa. La scienza-tecnica si pone come supremo demiurgo in grado di manipolare tutto, anche la vita (umana e non), in nome del suo progresso. Essa è scopo, non più mezzo, ricordiamolo.

Ora, si può anche non essere d’accordo sull’interpretazione di Severino, io stessa mi trovo titubante di fronte ad una lettura esclusivamente metafisica della  realtà, con la titubanza reverenziale che si ha nei confronti di un grande pensiero. Tuttavia la chiave di lettura è preziosa ed offre uno squarcio di verità che, a prescindere dalle premesse ontologiche, è ormai terreno comune di molte sensibilità filosofiche: ho sentito intellettuali porsi per esempio il problema di come la scienza stia diventando sempre più “produttrice di senso”, non solo per gli addetti ai lavori, ma anche per il cosiddetto uomo della strada[23] e “solo” questo è sintomatico della superiorità nei confronti di tutte le altre forme di dominio, che sia politico, religioso o quant’altro.

Tutto ciò s’inscrive nel quadro già citato di sempre maggiore frammentazione del sapere, che si può ormai considerare un’evidenza del nostro tempo, un’evidenza problematica. Con una puntualizzazione: come viene spesso sottolineato, la specializzazione non è un male in sé, anzi: “In effetti, lo studio di qualsiasi campo inizia con un atto naturale di astrazione, al fine di focalizzare determinati ambiti d’interesse”[24] affermano David Bohm e David Peat, sottolineando la naturalità del focalizzare lo sguardo al fine dell’indagine. Tuttavia, se esso perde il contatto con l’insieme, finisce per snaturare la vera essenza di ciò che indaga. Infatti, storicamente, questa naturale inclinazione umana ha preso una pericolosa piega, come spiega bene Charlton: “Per un po’, perciò, la specializzazione ha portato a grandi conquiste all’interno delle sue divisioni, divisioni attraversate ancora da un’integrazione sufficiente a mantenere l’unità ed a controllare l’errore. Ciò nonostante, la specializzazione è andata avanti oltrepassando questo punto ottimale e passando in una sempre meno funzionale frammentazione – così che la scienza ha perso l’unità e gli specialismi hanno perso l’abilità di servire come mutui controlli. La scienza si è gradualmente mutata in null’altro che micro-specialismi isolati ed irrefutabili”[25]

Mi preme sottolineare l’azione disturbante del Potere in tutto questo (intendo con questo termine il coacervo inscindibile di poteri politici, economici, finanziari, militari intimamente connessi uno con l’altro), un’azione che si frappone in questo processo come un vero bastone fra le ruote e, per quanto nella visione di Severino esso sia in realtà al servizio dell’Apparato tecnico-scientifico, voglio indagare un po’ più a fondo la sua forza d’azione, che ritengo ancora molto pesante e gravida di conseguenze.

Ciò nonostante – e questo è un altro aspetto intrigante della questione – ritengo pure che il Potere, proprio perché all’apice della sua espressione in termini di sfruttamento delle risorse e dispiegamento delle forze repressive, proprio per questo sia disperato. E d’altra parte cos’altro si può fare una volta raggiunto l’apice se non iniziare a cadere? Un’alternativa può essere quella di imparare finalmente a volare. Ma invece il Potere si sta aggrappando alla cima, come una vecchia aquila ostinata a non voler volare.

Voglio approfondire ulteriormente questo punto: fin dove si è spinto questo meccanismo? Qual’è l’ultima soglia, il non plus ultra della nostra civiltà all’apice del Potere (e quindi sul ciglio dell’abisso)?

Noi, che ci consideriamo il baluardo del genere umano; noi che abbiamo santificato, su un immaginario altare laico, i diritti inalienabili dell’individuo, le libertà individuali di ogni tipo, compresa la libertà della ricerca scientifica. L’intuizione filosofica di fondo qui è che, alla base dei vari collassi che l’umanità sta attraversando proprio in questa precisa fase storica, pulsi la stessa matrice concettuale. Una matrice che ha spinto l’umanità, usando le parole di Romano Màdera, ad uno “[...] stupefacente balzo in avanti della coscienza morale collettiva di specie”[26].

In cosa consiste questo balzo in avanti? La Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, del 1948, è stato forse il conseguimento più alto nella storia dell’umanità in termini di salvaguardia dei diritti di ogni singolo individuo, eppure “una comune mentalità si va formando, di tale forza da costringere anche i responsabili di crimini seriali contro l’umanità a tentare di giustificarsi come vittime di qualche sopruso. Chi viola la carta dei diritti dell’umanità  fa implicito o esplicito riferimento a essa per giustificarsi”[27]. Eccolo lì, il balzo in avanti. Un corto circuito, un cerchio che si chiude in maniera perversamente geniale.

Tutti noi ricorderemo l’esultanza del pianeta di fronte ad un capo di stato occidentale, Barak Obama che, circa due anni fa, proclamò di aver fatto uccidere il suo massimo nemico[28]. Un episodio chiave del nostro tempo, indicante l’atteggiamento di fondo, la matrice dicevamo, che domina incondizionatamente ogni campo del reale, e potremmo declinarlo in mille direzioni: in nome della mia libertà individuale io, in quanto donna, rivendico il mio diritto ad essere mercificata; in nome del progresso scientifico, che promuove il benessere dell’individuo, sono pronto a sperimentare sulla vita di esseri viventi, umani e non[29]; infine, parafrasando le parole di Màdera: chi viola la libertà della ricerca scientifica fa implicito o esplicito riferimento, per giustificarsi, ai principi della scienza e a coloro che furono perseguitati in nome di quella libertà. Scrive ad esempio Giuliano Preparata, riguardo al vero e proprio accanimento verso coloro che si occuparono di fusione fredda: “[...] gli scienziati (una moltitudine impressionante) e le istituzioni scientifiche che hanno reso e rendono la vita impossibile allo sparuto drappello di coloro che hanno preso sul serio il messaggio di Fleischmann e Pons, sono gli stessi che ci ricordano ad ogni pie’ sospinto il grande debito che l’umanità ha nei confronti di quei coraggiosi (Galilei, Bruno, Copernico, ndr) e di chi, sfidando Inquisizione, comunità accademica e varie istituzioni politico-economiche del tempo, li volle seguire”[30].

Di nuovo evochiamo il mantra negativo del nostro tempo: in nome del diritto alla difesa e della libertà individuale, io ti sopprimo. In nome della scienza e di chi l’ha costruita, io ti zittisco. In nome della legge io, legislatore, violo la legge. Al culmine del nostro sviluppo come civiltà umana troviamo l’esultanza del boia, il compiacimento dell’inquisitore,  la sfacciataggine del legislatore disonesto che recita la parte della vittima. A questo punto è chiaro che il quadro sia disperante per colui o colei che si trova anche solo minimamente ad indagare la realtà con occhi sinceri e cuore affrancato. È una sensazione quasi di afasia paralizzante: il rovesciamento è massimo, oltre questa soglia non si può andare, oltre questa soglia solo il baratro, un punto di non ritorno.

Come se ne esce? Come si esce da un orizzonte così avvilente, in cui la onnipervasività di questo modus vivendi et operandi sembra non lasciare spazio a qualsiasi modo di pensare altrimenti? È forse qui e adesso che il pensiero filosofico può ridiventare protagonista di una renovatio, di un cambiamento radicale di prospettiva rispetto alla cultura dominante? La mia riflessione mi ha portato a dare una risposta affermativa a tale questione, con una correzione aggiuntiva: sì, ma non da sola. O meglio: riprendendo il suo legame con “la domanda sul senso”  e con il “senso del tutto”[31]. Che è un legame antico, non nuovo. Ma dimenticato, smarrito anch’esso -  e travolto – nell’oceano della microspecializzazione. Occorre oggi riprendere le fila del senso e del tutto, in un necessario  dialogo profondo, anzi, rubando l’espressione da Panikkar,  “in mutua fecondazione” con gli altri saperi[32].

http://criticaimpura.wordpress.com/2013/05/01/verita-scienza-e-potere-incursioni-filosofiche-fra-vecchi-e-nuovi-paradigmi-nello-stato-demergenza-del-terzo-millennio-pars-destruens/

 

 

 
fallacie logiche

13033 Costanzana (VC)

www.fallacielogiche.it gorgia1994@live.it

Contatore utenti connessi

realizzazione siti internet novara varese biella vercelli milano
Copyright 2018 www.fallacielogiche.it
All Rights reserved