fallacie logiche

Fallacie logiche, fallacies, fallacie.

Menu principale
Presentazione: principali fallacie
Cerca
1 Siamo più degli altri
2 FALLACIA AD VERECUNDIAM
3 Patata bollente
4 Fallacie in combinazione
5 Ocean eleven
6 Fallacia del nirvana
7 La scelta
8 Errore perduttivo
9 Troll
10 Offeso
11 Opinionista
12 Non l'ho detto
13 Fallacia Naturalistica
14 La cooperazione
15 Halo effect
16 Cavallo che ride
17 Chi è folle?
18 Assoluten
19 Straw man
20 Lavazza
21. In rerum natura
22 Falsa dicotomia
23 Genialità di un condottiero
24 EAUI
25 Ripetuto quindi vero
26 Hate love
27 Il vero scienziato
28 Odino
29 Sono dappertutto
30 Pentimento e conoscenza
31 Bias di conferma
32 Norme morali
33 Orgoglio a buon mercato
34 Oggettività dell'indagine
35 Pendio scivoloso
36 Boccadoro e lo specismo
37 Feyerabend e Aristotele
38 Cigni neri
39 Povero ma felice
40. C. S. Peirce e l' Abduzione
41 La fabbrica del consenso
42 essi più o meno ignorano
43 straw man, relativismo e democrazia
44 la democrazia diretta nell'età di Pericle
45 Attenzione al vestito!
46. Le stronzate
47. L'Effetto Spettatore
48. La Mente Dello Sperimentalista
49 Valori tradizionali
50. volens nolens
51. L. MAGNANI AGGIORNA I. KANT
52. Luogo comune e Senso comune
53. non occorre essere filosofi
54. Il signor Finzione
55. hate speech
56. trasparenza dei valori e oclocrazia
57. Reductio ad Hitlerum
58. l'occhio nel muro
59. La Fallacia Antropocentrica
60. Sulla Meritocrazia
61. Il corpo della donna
62. Inno alla Conoscenza
63. lasciar fiorire tutte le vite
64. Internet, TV e cervello
65. sul relativismo etico
66. Fallacia per implicatura
67. Asintoticamente
68. Realtà 1 e 2
69. nè nè ma
70. Etica della guerra e civili
71. La Purificazione
72. I giovani prima??
73. Modi di scrivere
74. Declassamento del narcisismo
75. Tu non puoi capire!
76. Globalizzazione
77. Gatta ci cova!
78. Il dna dei Bin Laden
79. Da Norimberga in poi
80. Lei, Io e la Fratellanza
81. Polarizzazione di Gruppo
82. La tesi dell'asimmetria
83. sulle definizioni preliminari
84. Sul progresso morale
85. La Logica dell'Avvocato
86. Il ministro Brunetta
87. La Logica della Morte?
88. Sulla natura del ragionamento
89. "seeking chances" ed esperire
90. fuoco e fiamme
91. Oltre l'apparenza
92. Normale e Diffuso
93. Esperienza e Logica
94. Gossip e Potere
95. Creativi non si nasce
96. L'adultocentrismo
97. fanatismo allo specchio
98. assioma e dogma
99. La Fama
100. Scelta e Decisione
101. M. Trainito su U. Eco
102. reasoner before reasoning
103. Essere senza Tempo
104. Immunizzazione cognitiva
105. Caso e Necessità
106. Dissonanza Cognitiva
107. Rovescismo di Chesterton
108. Argomento Ipotetico
109. Post Hoc Fallacy
110. A nescire ad non esse
111. Statistical Fallacies
112. L'onere della Prova
113. Falsa Analogia
114. Vaghezza dei termini
115. Il Paese?
116. Argument from Consequences
117. Bagarre con capra
118. Desiderio non è Verità
119. Contingenza nella causa?
120. Il senso della vita
121. L'Amaro Averna
122. Sul Populismo
123. Effetto Domino
124. Essere e Dover Essere
125. L'Orologio Guasto
126. Sull'Austerità
127. Lo sfigato da 500 Euro
128. Dawkins and The Telegraph
129. Embubblement and Violence
130. Le implicature di Travaglio
131. Mezzo Campo
132. L'Ideologia
133. La società sessuale
134. Sull'Orgoglio
135. Apologia di Palamede
136. Ad Misericordiam
137. Principio di precauzione
138. Tollerare l'intolleranza?
139. Sul revisionismo storico
140. Omologa ed Eterologa
141. L'esclusiva dei Sogni
142. Red Herring
143. Disordinato o Disordered?
144. No, i broccoli no!
145. Sulla Deduzione
146. I Sensi e L'Autorità
147. Non solo scandalo
148. Scientifica o Umanistica?
149. Varallo
150. La coscienza delle piante
151. Il bosone di Sgreccia
152. L'oro e la fame
153. Loaded term: riduzionismo
154. L'amore di Cacciari
155. Darwin
156. Libero Arbitrio?
157. Aspirina e Stato Etico
157 b. Sul "linguaggio fascista"
158. Tre Luminari sull'Aids
159. Through doing morality
160. Socci e San Luca
161. Ad Humanitatem ed Essenza
162. C. Perelman
163. Leggere con la pennellessa
164. Azzeramento alla Polverini
165. Le Pene della Menzogna
166. Una strana coincidenza
167. Il discorso teologico moderno
168. Il gioco della veritá
169. IBE
170. Sul QI
171. Il Circo a Vercelli
172. L'alba della morale
173. Ti Estin
174. Una storia Inquinata
175. Arbitri e Umanisti
176. A colpi di straw man
177. Scienza o Multinazionale?
178. Pluralismo logico
179. Metafore e Verità
180. Diritto alla Carità?
181. Le Travagliate
182. Fallacia del finto tonto
183. It's me
184. Fatti e Interpretazioni
185. Lo scettro
186. Filosofia della Violenza
187. Il rifiuto di Protagora
188. Un messaggio di pace
189. Le massime
190. Il grattacielo e le rime
191. Sulla Coerenza
192. Embodied Cognition
193. Le scarpe più belle
194. Violenza soggettiva e sistemica
195. Sulla "Complessità"
196. Maschi e Femmine
197. Il cane sulla zattera
198. La Valvola di Sfogo
199. Neuroscienze a Vercelli
200. Voto consapevole?
201. Genocidio intellettuale
202. perle ai porci
203. Etica ed Estetica
204. Confabulazione
205. Una retromarcia?
206. I Saggi
207. Alessitimia
208. TdL
209. La Cieca Obbedienza
210. Mostra o Minestra?
211. Fact Checking
212. Tutela al contrario
213. Philarghyrìa
214. Altro mondo non c'è
215. Una storia plurale
216. verità, scienza, potere
217. Benaltrismo
218. Eufemismo
219. Borghese
220. Rai Filosofia
221. Tutto o Niente
222. Furbizia Orientale
223. Disobbedienza civile
224. Fede e Scienza
225. Being purposive
226. Modi di scrivere
227. Acredine di Don Gallo?
228. Complottismo?
229. Perversione Narcisistica
230. Fallacia del Gambler
231. Indissolubile
232. La responsabilità dell'ingannato
234. Contraddizione performativa
235. I Volti della Passione
236. Non solo parole
237. Spontaneo un corno
238. Blaming the victim
239. La Fisiognomica
240. Un Sogno di Rivolta
241. Cari Amici
242. Lobby e Associazione
243. Sui destinatari
244. L'Identità
245. Non Human First?
246. Aggressività e Prevenzione Etica
247. Falsa Univocitá
248. Sui sensi e sui pensieri
249. Cecità attenzionale
250. I pigliatutto
251. Uomo di Paglia
252. Caso Cancellieri
253. Il contratto
254. Può piacere o non piacere ma
255. Lutto ed Empatia
256. Una liturgia
257. Data Dump
258. Comunicazione e scopi
259. Default
260. Tributo Emotivo
261. Non è una preferenza
262. Salotti e Serve
263. Strumentalizzazione dei malati
264. Strumentalizzazione 2
265. Sul Kitekat
266. Animalità
267. Anticausale
268. Reichsjaegermeister
269. Marius
270. Opinione o discriminazione?
272. Riconciliazione
273. Booby Trap
274. Dinosauri stupidi?
275. "argomento" della reciprocità
276. Centonovantaquattro e dintorni
277. Il doppio standard
278. Quaderni Neri
279. Sulla Cronologia della Mente
280. Trivialità e Volgarità
281. La Conventicola
282. Cambiare
283. L'Onda Perfetta
284. Delasia
285. Mr. Bean
286. Dove ci porta la scienza
287. Speculazione sull'oscurità
288. Volo sull'Acheronte
289. La nobile arte dell'insulto
290. Gli esempi limite
291. Anticonformismo?
292. La mente degli altri
293. Opus Metachronicum
294. Ab Ovo usque Ad Mala
295. Ad Temperantiam
296. Fallacia dell'etnomorfismo
297. Oltre la specie
298. Fallacia dell'antispecismo metafisico
299. Fallacia Inversa
300. tanto rumore per un orso
301. Debunking?
302. Sciovinismo descrittivo & Co
303. Legge di Sturgeon
304. La scopa di Occam
305. Logica, Etica e Nutrizione
306. Fallacie Causali
307. Fallacia del Cavallo di Troia
308. Satira e Diffamazione
309. Esempi personali e statistiche
310. Le radici profonde dell'altruismo
311. Bias eiettivo e processo antropodecentrativo
312. Filosofia Bene Comune
313. L'etichetta
314. Fallacia della Piccionaia
315. Uomo di latta e uomo di paglia
316. Animali fuori dalla Costituzione?
317. Uccideresti l'uomo grasso?
318. Errore categoriale
319. Il corpo della modernità
320. Origine dell'uomo
321. Antropomorfismo?
322. Le persone pazienti
323. Superamento dell'utilitarismo
324. Il cervello plastico
325. Il bene relativo
326. Intelligenza e "razze"
327. Dire quello che si pensa
328. Neuroscienze e Diritti Umani
329. L'Obiezione dei Custodi
330. Sessismo e gruppi sociali
331. Ideologi dell'ideologia
332. Riduzione a fallacia
333. Parte in Causa su Radio Radicale
334. L'intelligenza delle emozioni
335. Dennett e Nagel a confronto
336. Fraintendere l'ad verecundiam
337. Fascinazione del contrario
338. Hater and not-me fallacy
339. Istruzioni per un uso consapevole
340. Solo una moda?
341. Nè scusa nè accusa
342. I linguaggi del vivente
343. Sul tatto
344. Nuove parole per l'autismo
345. Freedamned
346. Ne parlano i non ignoranti ...
347. Il cappello piumato
348. Io è una parola di tre lettere
349. Meritocrazia: altri volti
350. La fallacia della borsa di tolfa
351. La ragione dello sragionare
352. Tra inglesismi e indifferenziate
353. Il virus di Giulio Giorello
354. Sul politicamente scorretto
355. Sul negazionismo, variante
356. La tirannia della bellezza
357. Libertà personale e libertà del mercato
358. Fallacia della similitudine estesa
359. Le fallacie logiche sulle donne transgender
360. IRRIVERENDER
361. Il cercatore della pepita di letame
362. Dare voce alle ribelli locali
363. Credere alle cazzate
364. Passing e Sacrificio
365. Buon compleanno MARX, avevi ragione!
366. Patriarcato e moderno controllo della filiazione
367. Femminismo Materialista
368. Femminismo neoliberista e freedom fallacy
369. Libertà ma senza pollo, replica
370. Leggi e individui delle altre specie
371. Educazione sentimentale reazionaria
372. Inquisizione, contestualizzabile?
373. Gender Revolution


Fallacie logiche, fallacies, fallacie.

fallacie logiche
243. Sui destinatari
lunedì 09 settembre 2013

Di  SONIA CAPOROSSI

Gli scaffali sparecchiati: la mancata egemonia della poesia di ricerca in libreria

Tratto dal blog “Critica Impura”

Diversi giorni fa Marco Giovenale ha ridiffuso un suo cogente intervento del 2009  intitolato sardonicamente L’ormai attestata egemonia dei poeti sperimentali in Italia, in cui, con piglio ironico, denuncia sostanzialmente l’assenza di quei poeti che certi lettori naif, per parafrasare l’allenatore della Lazio Petkovic, potrebbero chiamare “difficili”, dagli scaffali delle librerie e dagli eventi poetici più noti e trendy (“trendy?! Ma come parla! Le parole sono importanti!”; sì, sì, lo so). Il suo articolo mi ha subito colpita e divertita per due essenziali ragioni: la prima è il fatto che  il Manganelli citato in epigrafe da Giovenale scrisse più o meno le stesse cose con il medesimo tono ironico già nel 1968 e, dunque, si potrebbe pensare legittimamente che il panorama non sia cambiato poi tanto, mentre in realtà prima le faccende andavano molto meglio per una serie di motivi che non sono oggetto di questo articolo e che non sto ora ad enumerare; la seconda è il fatto che non credo che Giovenale intendesse lamentarsi delle scarse vendite, che sicuramente non sono un suo cruccio, e tuttavia il tono acre e tagliente che mi piace tanto e che me lo fa seguire spesso su slowforward questa volta sembra cadere un poco in un non sequitur: infatti l’egemonia degli scrittori di ricerca non è e non potrebbe a mio parere mai essere quella economica, la quale potrebbe derivare solamente dalla diffusione capillare sul territorio per il tramite della presenza massiva nelle librerie e della partecipazione a premi letterari, happening, convegni, incontri in TV, articoli sui giornali; bensì al limite quella influenzale, di un’influenza che però sappia bene a chi si rivolge. Intendo dire che fra gli addetti ai lavori, e per gli addetti ai lavori, l’influenza che gli scrittori di ricerca posseggono a me pare che sia ben delineata, sebbene anche lì non assolutamente egemonica; e non è certo un male, se egemonia, come troppo spesso accade in molti campi, vuol dire prevaricazione e sommersione dell’altro. Al limite, c’è da dire che è proprio la poesia di ricerca, come ribadisce quasi diuturnamente Giovenale, a rimanere spesso stritolata dall’egemonia di un certo neolirismo a farla da padrone (parola che devo arguire essere entrata nel gergo dei berluscones, se è vero che ormai la si pronuncia con lo stesso disprezzo con cui il Nano dice “comunisti”).

Stride un pochino, però, l’apparente volontà di comparire più spesso e con maggiore incisività in TV, sui giornali, sulle bocche della gente da parte di autori di nicchia (posso dire “di nicchia”? A me “di nicchia” piace): era un po’ quello stridore che a suo tempo avvertivo nei TQ quando si diceva che la generazione dei giovani intellettuali è stata messa da parte a sufficienza e deve ora avanzare con il proprio attivismo e le proprie idee. Bene, l’assunto di base era vero e lo è tutt’ora: ma verso dove deve avanzare? In TV, sui giornali, verso la massificazione? Magari sostituendo gli accademici dagli scranni universitari, come dire: sostituirsi ad uno stato di cose baronale semplicemente reduplicandolo? È questo che oggi vuol dire “dobbiamo lasciare spazio ai giovani”?

Ecco, cose del genere non possono non fare attrito con le intenzioni dichiarate. E allora continuo con le mie argomentazioni, come sempre prendendo il discorso un poco alla lontana. È proprio stare sugli scaffali ed in TV ciò a cui deve aspirare uno studioso che vuole, giustamente e semplicemente, far conoscere il proprio lavoro? Gyorgi Ligeti vorrebbe mai superare in fama Elton John, oppure, semplicemente, offrire il proprio lavoro di ricerca a chi può comprenderlo lasciando stare la musica leggera che già del resto possiede il suo pubblico autonomo e degno? Gli stessi Studi per piano di Ligeti sono “poco noti” o “molto noti”? Dipende. Poco noti fra le masse, molto noti fra gli appassionati. A meno che un archeologo o un microbiologo o un fisico nucleare non vogliano accedere al successo di pubblico e vendite con i loro lavori di ricerca e ad andare ogni giorno in TV. Il ché sarebbe, per l’appunto, un non sequitur, perché non sono tutti archeologi, microbiologi o fisici nucleari, e non a tutti di ciò che fanno i letterati o gli scienziati può semplicemente inter-essare: il trattino non è un vezzo derridiano, è una notazione etimologica. Non tutti infatti a certe cose “ci stanno in mezzo”, com’è normale (e anche giusto) che sia. “Ma Ligeti comunque è famoso!”. Sì, in virtù della passione che Kubrick nutriva per la sua musica che ha inserito nei propri film, altrimenti avrebbe la stessa fama che hanno musicisti contemporanei sconosciutissimi in Italia come Randall Smith, Jozef Hyde, Manolo Remiddi. “Del resto, Ligeti lo si trova nello scaffale di classica contemporanea da Feltrinelli!”, mi si potrebbe rispondere; ma è uno scaffale comunque frequentato da tre persone: la signora delle pulizie, il commesso e me.

Ora, per tornare alla poesia, è bello darsi all’utopia della Repubblica di Platone, pensare che le cose possano e debbano cambiare, pensare che la gente debba leggere di più e “per questo ci siamo noi”, pensare che la gente debba sentir parlare maggiormente di scrittura di ricerca in TV, sui giornali eccetera “e per questo ci siamo sempre noi”; per poi (e qui non ce l’ho certo con Giovenale) non darsi minimamente da fare in senso operativo perché la situazione di disamore da parte della gente nei confronti della lettura cambi davvero, aspirando crassamente al proprio esclusivo tornaconto, “belli di fama e non di sventura”, pestandosi i piedi a vicenda nel panorama letterario perché il nostro “noi” è più “noi” del vostro.

Sorge da queste bofonchiate meditazioni la domanda che Lello Voce, in un suo intervento di risposta, ha commentato su Il Fatto Quotidiano proprio il 21 agosto scorso .

Ed egli rispondeva a quanto di provvisorio e abbozzato andavo borbottando io su facebook: “I poeti di ricerca si rivolgono ad un pubblico generalista? Sono per tutti? No. Allora perché io dovrei trovarli da Feltrinelli o pubblicati da un grosso editore piuttosto che accedere tranquillamente alle loro opere, come del resto faccio, tramite cerchie legate ad interessi comuni, ordinandoli eccetera? Perché dovrei aspirare a introdurre un quid giustamente elitario all’interno di un contesto di cum-prehensio nazional-popolare? Perché farmi e farci questa violenza? A me sinceramente darebbe, e di fatto dà, più fastidio il libero accesso indiscriminato alla mia opera che non mi garantisce sempre un’attenta ermeneusi da parte dello sprovveduto fruitore piuttosto che un accesso oculato e veramente interessato, benché ristretto, ad essa. Da qui sorge il quesito conseguente: i testi di ricerca dovrebbero aspirare ad uno statuto di fruibilità allargata? Saremmo in tal caso nella Repubblica di Platone, sed sic non est. In secundis: se uno desidera proprio una fruibilità allargata, sempre nei limiti della propria fama, non basta internet? Su internet se un idiota si imbatte in un testo sperimentale e non lo capisce, passa oltre, altrimenti s’appassiona: è il fruitore che ha l’impressione di scegliere il testo, ma in realtà è il testo che sceglie lui. Un libro in uno scaffale da Feltrinelli ha un altro peso semiotico, quel fenotipo di volumen impone che l’autore si debba far capire, si renda fruibile, sennò da Feltrinelli non ci può stare: in libreria, è il fruitore che sceglie il testo, e il testo s’arrangia.
Per tutte queste motivazioni, a me sinceramente la situazione va bene così.”

Ora: è chiaro che la frase finale non si riferisce ad una mia qualsivoglia accondiscendenza allo stato di cose attuale nel senso del plauso del sistema baronale (“feudale”, lo chiama Lello Voce nel suo pezzo) che vige nel panorama letterario italiano d’oggi. L’interlocutore argomenta in questo modo, con un tono sempre pacato, la sua “terza posizione”: “Chiedere una diffusione di massa (posto che sia questo ciò a cui allude Giovenale) per prodotti di ‘ricerca’ in una società di massa, sarebbe, d’altro canto, un’ingenuità, proprio perché, al contrario di quanto sostiene Caporossi, nei grandi bookshop non sceglie né il lettore, né l’autore, sceglie piuttosto l’editore, o più sfumatamente, chi produce e distribuisce la merce. Per altro verso, ogni arte è anche, e soprattutto, comunicazione e forma della comunicazione e dunque negarle diffusione significa ucciderla. Si scrive sempre «per un popolo che non c’è», direbbe Gilles Deleuze, ma infine si scrive per un popolo, almeno in linea di principio (e d’utopia), non per un’élite. Negare ogni spazio a ciò che è diverso dal mainstream (dato per scontato che – in poesia – anche il mainstream è poco più di un torrentello, almeno qui da noi) è, quindi, un atteggiamento ‘materialmente’ discriminatorio, dannoso in primis per la poesia stessa.”

A ben vedere, non mi sembra affatto che “nei grandi bookshop” non abbiano possibilità di scelta altri che l’editore o il grande distributore: piuttosto è vero, com’è vero, che il mercato editoriale si muove in base a ciò che può essere preventivamente la domanda, e la domanda, sulle basi e condizioni culturali odierne, specialmente riguardo alla poesia, è quella che è. La poesia di ricerca detiene indubbiamente un pubblico più ristretto della poesia “senz’ulteriore determinazione”, per dirla con Hegel, e questa è una semplice constatazione, un dato di fatto: il lettore non “chiede” poesia e se la chiede, la chiede “facile” (Che vuol dire!? Anche per me non significa niente, ma tant’è);  l’editore s’adegua alla richiesta delle masse ed in parte le controlla, ma solo all’interno di una determinazione d’offerta che sia già grossomodo definita nei propri parametri pro-duttivi. Gli editori, insomma, ci pensano bene prima di pubblicare poesia di ricerca utilizzando le grosse catene di distribuzione, perché sanno che ci rimetterebbero in denaro. Guardiamo che fine ha fatto l’opera omnia poetica di Zanzotto, forse il più grande, di certo il più famoso dei poeti sperimentali che l’Italia abbia avuto: da Dietro il paesaggio a Conglomerati lo hanno incastrato in 1183 pagine ingiallenti dentro un Oscar Mondadori e senza la minima traccia di un’edizione critica. Oggi è difficile persino individuare i critici che se ne occupino, figuriamoci: e infatti i poeti sempre più spesso si criticano da sé.

Riporto sull’argomento, in quanto emblematico e tagliente, il commento di Daniele Ventre: “ il testo di ricerca o meno, nato per una fruibilità ristretta, si inserisce in una strana gerarchia di fruibilità via via più larghe, gerarchia nella quale chi è fruito da 40 lettori da dello sfigato e del poetino e del sottobosco a chi è fruito da 20 lettori, e così via -fino ad arrivare ai testi monoedizione, modello Emilio Villa estremo. Nel frattempo quelli che pubblicano sulla bianca Einaudi guardano con benevolenza non priva di un po’ di paternalismo i testi di ricerca, nella migliore delle ipotesi -nella peggiore, il testo di ricerca è astruso o sfigato o entrambi -così ci pestiamo le balle a vicenda e ciascuno si crede il più grande del pianeta -ed è questo che fa della poesia italiana di questi anni un manicomio autoriferito, per i testi di ricerca, e una sfilata di prime donne per i testi non di ricerca. Non che le due categorie si oppongano e si distinguano nettamente: sfumano l’una nell’altra”.

Ad ogni modo, non è messo certo in discussione per chi scrive il poeta, a chi egli si rivolga più o meno intenzionalmente, ma quale e quanto pubblico lo recepisca; che è, a ben vedere, davvero tutt’altro discorso. Io posso anche scrivere per i venusiani inviando messaggi poetici dal telescopio di Arecibo: tocca vedere se questi messaggi quei lettori “altri” lo colgono, proprio sul piano della comunicazione che essenzialmente la poesia, nel senso di Lello Voce, dovrebbe essere. Eppure, c’è anche chi sostiene, in buona sostanza, che non sia vero “che la poesia di ricerca non tira: guardiamo Zanzotto”. A ben vedere, il motivo per cui si è spesso facilmente protesi a nominare, in questi frangenti, l’esempio di Zanzotto come argumentum non è neanche che si tratta di un poeta per chi è già addestrato alla poesia: ci vuole infatti un addestramento tecnico, stilistico, estetico immenso pure per Pascoli, pure per Leopardi, pure per Saffo. Zanzotto, piuttosto, è un poeta di ricerca di cui la gente riconosce il cognome (ma molto meno il nome), perché è antologizzato nelle ultime pagine delle sillogi scolastiche, perché qualche volta, anche solo sfogliando distrattamente a scuola, qualche suo verso la studentessa grunge di Forlimpopoli giocoforza sul proprio cammino l’ha incontrato (non ho nominato la casalinga di Voghera perché mi sembra figura obsoleta un po’ troppo Sixties). Questo gli deriva da un meritato riconoscimento precedente, in senso logico e cronologico, rispetto alla scrittura di ricerca contemporanea, quella proprio del qui-ed-ora. Ma se andiamo poi a chiedere di Zanzotto a chi si picca di esser lettore medio di poesia, la sua nomea diventa: “troppo intellettuale”. E qui il problema, come si capisce facilmente, si scopre essere quello dell’educazione estetica alla poesia.

Come i docenti di lettere a tutti i livelli di insegnamento sanno bene, la semplice trasmissione culturale è immensamente più facile da effettuare rispetto ad una vera e propria educazione estetica, che è sempre inevitabilmente limitata ad un intervento di tipo maieutico; non stiamo ora a controbattere affermando che nei dialoghi di Platone la maieutica socratica funziona, perché lì essa sembra solo funzionare: i platonisti lo sanno e non lo neghino, Socrate mette le parole in bocca ai propri interlocutori e li indirizza facendoli esprimere per semplici monosillabi, dando loro l’illusione di aver compreso tutto senza che questi abbiano prodotto una minima consapevolezza autonoma! Al di là della maieutica, ci sono insegnanti che pensano che spiegare un poeta equivalga a trasmetterne la poesia. Purtroppo non è così: la situazione attuale contempla una condizione di comprensione estetica del poetico pressoché desolante. A scuola l’impegno principale degli insegnanti dovrebbe essere appunto quello di occuparsi del risveglio estetico delle testoline (alcune potenzialmente molto belle) che hanno davanti, proprio per allargare la fruibilità del poetico come mezzo e scopo il più possibile, perché la poesia è la colonna (sonora, in quanto essenzialmente musica) dell’umanità. E questo è un impegno tale che uno più democratico non lo si può immaginare, alla faccia del PD.

Per questo motivo, affermare l’esistenza di differenti forme di “inter-esse” (come  “starci in mezzo” o no) non è una posizione elitaria nel senso di “aristocratica”, ma consiste nella semplice constatazione che la poesia di ricerca la “comprendono” in pochi e che ciò è un dato di fatto, senza voler dire con questo che debba essere necessariamente elitaria. Ciò significa semplicemente che se c’è gente che fatica a “sentire” Pascoli (nel senso proprio dell’aisthesis) figuriamoci un tipo di scrittura che egli, anche erroneamente (in quanto la scrittura di ricerca in realtà è pura aisthesis!) percepisce come intellettualoide. In questo senso, c’è chi la “sente” e chi non la “sente” affatto, o peggio ancora, per posa e per piaggeria, la “sente” per finta, come avviene nella maggioranza dei casi ormai anche per la poesia tradizionale (la più antica modalità borghesoide del darsi una posa). Questo, a mio parere, è il principale motivo per cui la poesia presenta scaffali striminziti ovunque, nelle case della gente come nelle librerie.

Per parafrasare un intervento di Julian Zhara, in un certo senso la grande scrittura è sempre, anche, di ricerca. Tuttavia ciò non avvalora la pretesa di una sua immediata, indeterminata, generalizzata comprensibilità. La grande scrittura è sempre in parte incompresa, infatti. Ma in che senso dico qui che una scrittura sia comprensibile o meno? Proprio per evitare la confusione col termine “comprensione” come vox media ho usato, nel commento citato da Lello Voce, la parola cum-prehensio, che è un termine di significato immediatamente estetico, perché fa riferimento appunto all’aisthesis, al sentire di cui parlavo prima. Il suo uso non è a livello concettuale – epistemico, bensì nel senso prettamente estetico del “cogliere di colpo” wittgensteiniano, in quanto la poesia gioca sul registro dell’immediato, non del mediato concettuale.

E infatti è proprio questa è la difficoltà d’insegnamento di cui parlavo: non si può insegnare a “cogliere di colpo”, o “cogli di colpo” o non cogli, come insegnante puoi tentare solo una maieutica abbozzata, appunto. Ecco perché la poesia è in realtà per pochi (e quella di ricerca per ancor meno): non “colgono di colpo” tutti, infatti, perché non tutti, nostro malgrado, vengono toccati dalla bellezza. È questo il male profondo della società in cui giocoforza viviamo, quello da cui, a ben vedere, sorgono tutti gli altri, se vogliamo dare credito al nesso inscindibile fra estetica ed etica; ed è questo ciò su cui bisogna lavorare quotidianamente.

Contro queste constatazioni, non vale se non come linea di principio pur sacrosanta l’affermazione di Giovanna Frene secondo cui l’argomento della “poesia di ricerca” sarebbe “provinciale” in quanto “esiste la poesia al passo con i tempi e quella non al passo con i tempi. Esiste la buona poesia ed esiste la pessima poesia. Tutto qui”. Per il critico impuro, se è per questo, non esistono nemmeno i generi letterari.  L’unica validità dell’espressione “poesia di ricerca” è infatti di tipo meramente strumentale, un po’ come la distinzione fra generi. La poesia “di ricerca” non detiene in effetti uno statuto ontologico differenziale rispetto alla poesia in quanto tale. Io anzi non distinguerei nemmeno fra poesia buona o pessima, ma solo fra “poesia” e “altro”, visto che la cattiva poesia, di fatto, poesia non è. E ciononostante, la differenza fra poesia e poesia nell’uso pratico dell’utenza si percepisce, eccome. Si percepisce nella distanza e nel distacco, nel disamore del pubblico, nell’ansia di pubblicità del privato.

A questo riguardo, Marco Giovenale mi risponde affermando, giustamente, che non necessariamente la scrittura di ricerca deve essere “difficile” e che comunque ce n’è di degna che possa ben stare fra gli scaffali delle librerie. E tuttavia, io mi sto interrogando più in generale sulla consapevolezza del lettore medio  d’oggi, sulla richiesta di massificazione di qualcosa che può essere fruibile ma rimane fuori mano per ingerenza di alcuni fattori sociologici determinanti, come ad esempio gli orientamenti culturali, il mercato editoriale, le scelte eterodirette spesso anche fra gli addetti ai lavori. Mi interrogo sulla direzione comunicativa che deve prendere, ad esempio la mia scrittura quando non faccio critica ma prosa o poesia, e mi domando: mi procura problemi se un lettore non preparato non mi capisce, o forse preferisco rivolgermi a chi magari ha gli strumenti per accedere ad una scrittura non comune?

Sarebbe una società migliore se fosse diffusa realmente un’educazione estetica fra le masse che permettesse davvero al lettore medio di accedere al testo dal proprio  contesto: e questo è determinante. Non è forse buono il mezzo internet, per creare conoscenza ed educare esteticamente ad una certa poesia, non foss’altro che alla poesia tout court? Semplicemente analizzando lo stato di cose, chi ritiene che si possano saltare queste tappe semplicemente infilando testi di ricerca fra gli scaffali delle librerie sembra a mio parere confondere l’intenzione con l’effetto; ciò significa affermare che l’intenzione che gli scrittori di ricerca, chi più chi meno, hanno (“essere per tutti”) cozza fortemente con la realtà effettuale (in pochi li filano). Insomma, in Italia, gli scrittori di ricerca vorrebbero essere per tutti, anzi di più: potenzialmente sono per tutti, sed sic non est agli effetti.

Proprio l’altro giorno, per fare un esempio, Rosemary Liedl mi passava la  fotografia che ho posto come commento visivo a questo mio tirare le somme; ed è  un’immagine bellissima, in cui un Antonio Porta che irradiava luce leggeva la sua poesia circondato da un’impressionante folla oceanica, a Castelporziano. Rosemary mi raccontava l’aneddoto: “io sono a sinistra che tento di sedermi accanto ad Allen Gingsberg e Co. È Antonio che legge. A destra si riconosce Viviani. Era il 30 giugno 1979.” La società italiana, nel frattempo, quelle folle oceaniche ha preferito riservarle a Jovanotti, quello stesso Jovanotti che a parere di un idiota come Giovanni Allevi, deputato ignorantemente a rappresentare il pianismo “colto” e “neoclassico” al colmo dell’impostura, avrebbe “più ritmo di Beethoven”. L’Italia è culturalmente regredita nell’abisso dell’insignificanza o peggio, dell’attribuzione di significanza a ciò che significante non è, ed allo stato attuale si lavora per creare, ex novo, un humus preparatorio, lo stesso per il quale avevano combattuto le avanguardie storiche e quelle (come dire) post – storiche. Ed è ciò che oggi dobbiamo fare, perché allo stato dell’arte pensare anche solo di poter arrivare a tutti è utopia, è la Repubblica di Platone. In questo senso e solo in questo senso ho scritto che “a me la situazione va bene così”: preferisco lavorare per il futuro piuttosto che bruciare tappe importanti che potrebbero condizionare il giudizio critico sulla scrittura di ricerca, perché tanto qua, si sa, la storia la scrivono purtroppo i vincitori. E allora tocca, innanzitutto, lavorare per vincere, perché altrimenti gettarsi in pasto alle masse equivarrebbe ad un suicidio intellettuale. L’aspirazione a stare negli scaffali da Mondadori o Feltrinelli è una forma egotica e nient’altro se non si lavora per costruire una base di educazione estetica che procuri un reale ponte comunicativo tale che la gente venga educata esteticamente a distinguere Porta da una poesia di Bondi.

Ecco ciò che sembra realmente il punto su cui occorre capirsi. Giovenale tuttavia prende il discorso da un altro giro, sostenendo al contrario che “al lettore medio […] manca completamente non dico lo strumentario (che secondo me può anche avere) per leggere, ma la possibilità di farlo, per ragioni distributive e di politica economica (oltre che sociali e politiche: ma una parentesi non basta), sì, ok, ma anche per la scarsa o nulla opera di mediazione e informazione e distribuzione che non tutta, ma almeno una parte dell’editoria e di tante altre ‘agenzie’ fanno”. Giovenale aggiunge, poco oltre: “ Se torniamo all’origine dei vari discorsi, ossia all’articolo (2009) sulla presunta egemonia della scrittura di ricerca, ridimensioniamo probabilmente l’intera discussione. Quel testo serviva a sottolineare con una certa energia l’aggettivo “presunta”, trasformandolo in “favoleggiata”. Ovvero: spesso si imputa a una gigantesca galassia di scritture diversissime una presunta egemonia *in Italia*. Su questo giocava l’ironia. È  plausibile? Praticamente non stiamo dicendo altro. Stiamo dicendo che la fanfaluca dell’egemonia è materiale di corriva superficialissima polemica per editorialisti con pochi argomenti. Questo il succo del discorso. Dopodiché ognuno di noi penserà alle strade (individuali, condivise, un po’ individuali un po’ condivise: a ciascuno la sua) per far crescere non solo la diffusione di tanti tipi di scritture (definibili non mainstream) ma anche le aperture percettive di lettori che potrebbero volentieri & proficuamente incontrarle.”

Insomma, riassumendo, l’idiosincrasia è nata per un cortocircuito logico fra l’uovo e la gallina, che consiste sostanzialmente in questo: da una parte si sostiene che la presenza di autori di ricerca in libreria può offrire al lettore medio la possibilità di accedere alle loro scritture (affermazione che mi sembra legittima); dall’altra che la loro assenza si spiega col fatto che il mercato editoriale non investe su ciò che il lettore medio non cerca; con l’implicazione che la causa di ciò consiste nel dato di fatto di una carenza cronica di educazione estetica verso un certo modo di concepire la scrittura (e non solo), quella stessa educazione estetica per la mancanza della quale la gente compra Allevi e non Ligeti scambiandolo per musica “colta”. Tertium datur, in effetti, e sarebbe la massificazione della scrittura di ricerca (in Italia). Che per me ne sarebbe la morte, con tutto il peso che la parola “massificazione” contiene: ovvero un piegare la schiena dell’offerta alla domanda. Ecco perché io personalmente, lavorando quotidianamente a scuola al cosiddetto risveglio delle coscienze e ad un approccio estetico dei giovani alla poesia, alla letteratura e all’arte, nel frattempo non mi strappo i capelli se ho pochi lettori ma buoni, e non mi sembra un’eresia dire che la scrittura di ricerca (autore più autore meno), considerato il panorama della consapevolezza estetica del lettore medio italiano, non è comunicabile facilmente a tutti, e che allora se l’autore vuole proprio stare da Feltrinelli, tocca magari che compia uno sforzo, che ne dite?, in direzione della propria significanza condivisa, tocca insomma che vada incontro al lettore, che si faccia non dico “cogliere”, ma almeno “capire”, e se ciò non accade, vuol dire che “si accontenta” di un rispettabile pubblico d’élite, perché non è mica una parolaccia, e allora poi che pretende? Come volevasi, dall’inizio, dimostrare.

http://criticaimpura.wordpress.com/2013/08/30/gli-scaffali-sparecchiati-la-mancata-egemonia-della-poesia-di-ricerca-in-libreria/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
fallacie logiche

13033 Costanzana (VC)

www.fallacielogiche.it gorgia1994@live.it

Contatore utenti connessi

realizzazione siti internet novara varese biella vercelli milano
Copyright 2018 www.fallacielogiche.it
All Rights reserved