fallacie logiche

Fallacie logiche, fallacies, fallacie.

Menu principale
Presentazione: principali fallacie
Cerca
1 Siamo più degli altri
2 FALLACIA AD VERECUNDIAM
3 Patata bollente
4 Fallacie in combinazione
5 Ocean eleven
6 Fallacia del nirvana
7 La scelta
8 Errore perduttivo
9 Troll
10 Offeso
11 Opinionista
12 Non l'ho detto
13 Fallacia Naturalistica
14 La cooperazione
15 Halo effect
16 Cavallo che ride
17 Chi è folle?
18 Assoluten
19 Straw man
20 Lavazza
21. In rerum natura
22 Falsa dicotomia
23 Genialità di un condottiero
24 EAUI
25 Ripetuto quindi vero
26 Hate love
27 Il vero scienziato
28 Odino
29 Sono dappertutto
30 Pentimento e conoscenza
31 Bias di conferma
32 Norme morali
33 Orgoglio a buon mercato
34 Oggettività dell'indagine
35 Pendio scivoloso
36 Boccadoro e lo specismo
37 Feyerabend e Aristotele
38 Cigni neri
39 Povero ma felice
40. C. S. Peirce e l' Abduzione
41 La fabbrica del consenso
42 essi più o meno ignorano
43 straw man, relativismo e democrazia
44 la democrazia diretta nell'età di Pericle
45 Attenzione al vestito!
46. Le stronzate
47. L'Effetto Spettatore
48. La Mente Dello Sperimentalista
49 Valori tradizionali
50. volens nolens
51. L. MAGNANI AGGIORNA I. KANT
52. Luogo comune e Senso comune
53. non occorre essere filosofi
54. Il signor Finzione
55. hate speech
56. trasparenza dei valori e oclocrazia
57. Reductio ad Hitlerum
58. l'occhio nel muro
59. La Fallacia Antropocentrica
60. Sulla Meritocrazia
61. Il corpo della donna
62. Inno alla Conoscenza
63. lasciar fiorire tutte le vite
64. Internet, TV e cervello
65. sul relativismo etico
66. Fallacia per implicatura
67. Asintoticamente
68. Realtà 1 e 2
69. nè nè ma
70. Etica della guerra e civili
71. La Purificazione
72. I giovani prima??
73. Modi di scrivere
74. Declassamento del narcisismo
75. Tu non puoi capire!
76. Globalizzazione
77. Gatta ci cova!
78. Il dna dei Bin Laden
79. Da Norimberga in poi
80. Lei, Io e la Fratellanza
81. Polarizzazione di Gruppo
82. La tesi dell'asimmetria
83. sulle definizioni preliminari
84. Sul progresso morale
85. La Logica dell'Avvocato
86. Il ministro Brunetta
87. La Logica della Morte?
88. Sulla natura del ragionamento
89. "seeking chances" ed esperire
90. fuoco e fiamme
91. Oltre l'apparenza
92. Normale e Diffuso
93. Esperienza e Logica
94. Gossip e Potere
95. Creativi non si nasce
96. L'adultocentrismo
97. fanatismo allo specchio
98. assioma e dogma
99. La Fama
100. Scelta e Decisione
101. M. Trainito su U. Eco
102. reasoner before reasoning
103. Essere senza Tempo
104. Immunizzazione cognitiva
105. Caso e Necessità
106. Dissonanza Cognitiva
107. Rovescismo di Chesterton
108. Argomento Ipotetico
109. Post Hoc Fallacy
110. A nescire ad non esse
111. Statistical Fallacies
112. L'onere della Prova
113. Falsa Analogia
114. Vaghezza dei termini
115. Il Paese?
116. Argument from Consequences
117. Bagarre con capra
118. Desiderio non è Verità
119. Contingenza nella causa?
120. Il senso della vita
121. L'Amaro Averna
122. Sul Populismo
123. Effetto Domino
124. Essere e Dover Essere
125. L'Orologio Guasto
126. Sull'Austerità
127. Lo sfigato da 500 Euro
128. Dawkins and The Telegraph
129. Embubblement and Violence
130. Le implicature di Travaglio
131. Mezzo Campo
132. L'Ideologia
133. La società sessuale
134. Sull'Orgoglio
135. Apologia di Palamede
136. Ad Misericordiam
137. Principio di precauzione
138. Tollerare l'intolleranza?
139. Sul revisionismo storico
140. Omologa ed Eterologa
141. L'esclusiva dei Sogni
142. Red Herring
143. Disordinato o Disordered?
144. No, i broccoli no!
145. Sulla Deduzione
146. I Sensi e L'Autorità
147. Non solo scandalo
148. Scientifica o Umanistica?
149. Varallo
150. La coscienza delle piante
151. Il bosone di Sgreccia
152. L'oro e la fame
153. Loaded term: riduzionismo
154. L'amore di Cacciari
155. Darwin
156. Libero Arbitrio?
157. Aspirina e Stato Etico
157 b. Sul "linguaggio fascista"
158. Tre Luminari sull'Aids
159. Through doing morality
160. Socci e San Luca
161. Ad Humanitatem ed Essenza
162. C. Perelman
163. Leggere con la pennellessa
164. Azzeramento alla Polverini
165. Le Pene della Menzogna
166. Una strana coincidenza
167. Il discorso teologico moderno
168. Il gioco della veritá
169. IBE
170. Sul QI
171. Il Circo a Vercelli
172. L'alba della morale
173. Ti Estin
174. Una storia Inquinata
175. Arbitri e Umanisti
176. A colpi di straw man
177. Scienza o Multinazionale?
178. Pluralismo logico
179. Metafore e Verità
180. Diritto alla Carità?
181. Le Travagliate
182. Fallacia del finto tonto
183. It's me
184. Fatti e Interpretazioni
185. Lo scettro
186. Filosofia della Violenza
187. Il rifiuto di Protagora
188. Un messaggio di pace
189. Le massime
190. Il grattacielo e le rime
191. Sulla Coerenza
192. Embodied Cognition
193. Le scarpe più belle
194. Violenza soggettiva e sistemica
195. Sulla "Complessità"
196. Maschi e Femmine
197. Il cane sulla zattera
198. La Valvola di Sfogo
199. Neuroscienze a Vercelli
200. Voto consapevole?
201. Genocidio intellettuale
202. perle ai porci
203. Etica ed Estetica
204. Confabulazione
205. Una retromarcia?
206. I Saggi
207. Alessitimia
208. TdL
209. La Cieca Obbedienza
210. Mostra o Minestra?
211. Fact Checking
212. Tutela al contrario
213. Philarghyrìa
214. Altro mondo non c'è
215. Una storia plurale
216. verità, scienza, potere
217. Benaltrismo
218. Eufemismo
219. Borghese
220. Rai Filosofia
221. Tutto o Niente
222. Furbizia Orientale
223. Disobbedienza civile
224. Fede e Scienza
225. Being purposive
226. Modi di scrivere
227. Acredine di Don Gallo?
228. Complottismo?
229. Perversione Narcisistica
230. Fallacia del Gambler
231. Indissolubile
232. La responsabilità dell'ingannato
234. Contraddizione performativa
235. I Volti della Passione
236. Non solo parole
237. Spontaneo un corno
238. Blaming the victim
239. La Fisiognomica
240. Un Sogno di Rivolta
241. Cari Amici
242. Lobby e Associazione
243. Sui destinatari
244. L'Identità
245. Non Human First?
246. Aggressività e Prevenzione Etica
247. Falsa Univocitá
248. Sui sensi e sui pensieri
249. Cecità attenzionale
250. I pigliatutto
251. Uomo di Paglia
252. Caso Cancellieri
253. Il contratto
254. Può piacere o non piacere ma
255. Lutto ed Empatia
256. Una liturgia
257. Data Dump
258. Comunicazione e scopi
259. Default
260. Tributo Emotivo
261. Non è una preferenza
262. Salotti e Serve
263. Strumentalizzazione dei malati
264. Strumentalizzazione 2
265. Sul Kitekat
266. Animalità
267. Anticausale
268. Reichsjaegermeister
269. Marius
270. Opinione o discriminazione?
272. Riconciliazione
273. Booby Trap
274. Dinosauri stupidi?
275. "argomento" della reciprocità
276. Centonovantaquattro e dintorni
277. Il doppio standard
278. Quaderni Neri
279. Sulla Cronologia della Mente
280. Trivialità e Volgarità
281. La Conventicola
282. Cambiare
283. L'Onda Perfetta
284. Delasia
285. Mr. Bean
286. Dove ci porta la scienza
287. Speculazione sull'oscurità
288. Volo sull'Acheronte
289. La nobile arte dell'insulto
290. Gli esempi limite
291. Anticonformismo?
292. La mente degli altri
293. Opus Metachronicum
294. Ab Ovo usque Ad Mala
295. Ad Temperantiam
296. Fallacia dell'etnomorfismo
297. Oltre la specie
298. Fallacia dell'antispecismo metafisico
299. Fallacia Inversa
300. tanto rumore per un orso
301. Debunking?
302. Sciovinismo descrittivo & Co
303. Legge di Sturgeon
304. La scopa di Occam
305. Logica, Etica e Nutrizione
306. Fallacie Causali
307. Fallacia del Cavallo di Troia
308. Satira e Diffamazione
309. Esempi personali e statistiche
310. Le radici profonde dell'altruismo
311. Bias eiettivo e processo antropodecentrativo
312. Filosofia Bene Comune
313. L'etichetta
314. Fallacia della Piccionaia
315. Uomo di latta e uomo di paglia
316. Animali fuori dalla Costituzione?
317. Uccideresti l'uomo grasso?
318. Errore categoriale
319. Il corpo della modernità
320. Origine dell'uomo
321. Antropomorfismo?
322. Le persone pazienti
323. Superamento dell'utilitarismo
324. Il cervello plastico
325. Il bene relativo
326. Intelligenza e "razze"
327. Dire quello che si pensa
328. Neuroscienze e Diritti Umani
329. L'Obiezione dei Custodi
330. Sessismo e gruppi sociali
331. Ideologi dell'ideologia
332. Riduzione a fallacia
333. Parte in Causa su Radio Radicale
334. L'intelligenza delle emozioni
335. Dennett e Nagel a confronto
336. Fraintendere l'ad verecundiam
337. Fascinazione del contrario
338. Hater and not-me fallacy
339. Istruzioni per un uso consapevole
340. Solo una moda?
341. Nè scusa nè accusa
342. I linguaggi del vivente
343. Sul tatto
344. Nuove parole per l'autismo
345. Freedamned
346. Ne parlano i non ignoranti ...
347. Il cappello piumato
348. Io è una parola di tre lettere
349. Meritocrazia: altri volti
350. La fallacia della borsa di tolfa
351. La ragione dello sragionare
352. Tra inglesismi e indifferenziate
353. Il virus di Giulio Giorello
354. Sul politicamente scorretto
355. Sul negazionismo, variante
356. La tirannia della bellezza
357. Libertà personale e libertà del mercato
358. Fallacia della similitudine estesa
359. Le fallacie logiche sulle donne transgender
360. IRRIVERENDER
361. Il cercatore della pepita di letame
362. Dare voce alle ribelli locali
363. Credere alle cazzate
364. Passing e Sacrificio
365. Buon compleanno MARX, avevi ragione!
366. Patriarcato e moderno controllo della filiazione
367. Femminismo Materialista
368. Femminismo neoliberista e freedom fallacy
369. Libertà ma senza pollo, replica
370. Leggi e individui delle altre specie
371. Educazione sentimentale reazionaria
372. Inquisizione, contestualizzabile?
373. Gender Revolution


Fallacie logiche, fallacies, fallacie.

fallacie logiche
348. Io è una parola di tre lettere
lunedì 28 dicembre 2015
di SERGIO STURE

Un romanzo breve (qui a seguito un estratto)  che ha l’ambizione di raccontare il lato meno conosciuto di un disagio, la balbuzie, che colpisce l’1% della popolazione mondiale:  l'immenso iceberg di frustrazioni, vergogne, luoghi comuni e incomprensioni, del quale la parola interrotta rappresenta solo la punta. E si propone di farlo attraverso la storia di Dody, delle sue parole spezzate, della sua famiglia spezzata e della scoperta dell’amicizia attraverso la quale riuscirà a riappacificarsi con il mondo dell’infanzia, fino ad allora così ostile.

Io è una parola di tre lettere.

1.

Piovve anche quel mattino, sul cortile di zainetti già fradici e di sudice vetrate. Ma alla notizia dell’assenza dell’insegnante di matematica i bambini esultarono felici come uno stormo di rondini a primavera.

Una supplente al posto dell’insegnante di matematica avrebbe significato due ore di lezione in meno e due ore di dialogo in più; e per questo, ovviamente, i ragazzi erano così contenti mentre io, al contrario, me la facevo sotto.

Letteralmente.

Anche a me, naturalmente, sarebbe piaciuto gioire all’annuncio dell’assenza della professoressa di matematica, ma ogni volta, con ogni nuova supplente, bisognava ripresentarsi.

E questa cosa di doversi ripresentare, ogni volta, mi dava il tormento.

Sì, d’accordo, so che espressioni quali terrore e tormento possano risultarvi eccessive se riferite ad un banale appello della scuola dell’obbligo, ma chi non conosce la crudeltà della scimmia a nove lingue che dallo stomaco si arrampica fino alla gola e ti soffoca le parole,  non può certo capire cosa intendo dire quando dico farsela addosso prima di doversi presentare.

La scimmia a nove lingue, voglio essere chiaro, ti salta addosso, proprio nell’attimo prima in cui stai per pronunciare la prima parola, e ti scuote il corpo, che diviene albero tremante.

E ti scuote poi violentemente la gola, che trema come i calzini stesi al vento, fino a farti vomitare la merenda amara della parola balbettata, che rotola quindi sui sorrisi schifati e sullo stupore altrui.

E non rimane altro da dire o da fare, che aspettare che la scimmia ti divori un pezzo di stomaco e di orgoglio e vada via. Mentre gli altri ti studiano dalla testa ai piedi come un albero nudo senza foglie.

Mi chiamavano Dody, a proposito, e sono balbuziente.

Do-Do-Do-dy.

La supplente entrò in classe con un cappotto grigio e il passo leggermente trascinato, mentre la luce a neon  le faceva brillare i capelli, come quelli delle bambole dei luna park o come le spine della mia corona di sfigato della classe.

Ed io, come sempre in quelle occasioni, presi a studiarle ogni movimento delle mani, del capo e degli occhi, ricercando, in ognuno di questi, un qualche indizio in grado di farmi comprendere se “fosse già stata informata” e mi avrebbe quindi risparmiato dalla presentazione o se, invece, avrebbe dato serenamente il via alla caccia alla volpe delle mie parole impaurite tra i silenzi.

Ed a seconda dell’aspettativa che ogni suo gesto pareva suggerirmi, il suo sorriso mi risultava di volta in volta amico, nemico, di bambola, di strega.

Non era un comportamento analitico o razionale, ovviamente. Era un istinto primario, legato all’esperienza dei mie pochi anni e alla sopravvivenza.

Vedevo cose che gli altri bambini non vedevano, sentivo cose che gli altri bambini  non sentivano, morivo su parole sulle quali il resto del mondo gioiva.

 “Buongiorno ragazzi! Sono felice di essere qui con voi, oggi. Mi chiamo Susanna e per oggi sarò la vostra supplente di matematica”

 Sarò la vostra supplente

“Sa-rò la vo-stra sup-plen-te – Sup-plen-te”

Quante “S” e quante insidiose sillabe conteneva quella frase?

Le contai mentalmente una per una, smarrendomi come ci si smarrisce contando le stelle nel cielo di inverno, e ritraendomi, quindi, incredulo e sconfortato, sul mistero della facilità con cui riusciva a sbatterle in faccia alla classe.

 Stai calmo e respira profondamente, prima di iniziare a parlare” mi ripetevano continuamente le persone che mi stavano intorno,  ma io sapevo che anche in quell’occasione non sarei riuscito a far altro che scavare un nascondiglio nel mio stesso respiro, trattenendolo e rendendolo simile al ghiaccio, per poi infilarci dentro alcune immagini di me felice e due preghiere.

Decisi infatti di arrendermi al destino e cercai di prepararmi, come meglio potevo, al momento della presentazione.

Non ero mica uno scemo, in fondo; avevo vissuto questo copione decine di volte, avevo perso quella stessa battaglia decine di volte.

Con altre supplenti, con altre professoresse, con altri ascoltatori increduli.

A cominciare da Saretta, ogni ragazzo si sarebbe alzato, avrebbe impostato un sorriso ammiccante e avrebbe cominciato la propria presentazione, iniziando dal proprio nome e dalla propria età, per poi imbastire un breve ma compiaciuto elenco delle proprie passioni.

Era ovvio che sarebbe andata così.

“Buongiorno, mi chiamo Saretta. Mi piace tanto la matematica e da grande vorrei diventare infermiera.”

In-fer-mie-ra.

Ed anche quel mattino gli eventi seguirono il percorso che già conoscevo, con la supplente che issò al neon il suo indice-artiglio rosso sangue ed, indicando Saretta, diede inizio alla conta.

Lentamente, dal primo banco fino al mio.

Uno ad uno. Poco a poco.

Come tessere di un domino dell’orrore, osservavo i ragazzi alzarsi di banco in banco, presentarsi allegramente e tornare a sedersi.

Una tessera dopo l’altra, un alunno dopo l’altro, una presentazione dopo l’altra, un sorriso dopo l’altro, il terrore faceva capolino come un sole malato tra le nuvole, pronto a dar nuova vita alla mia inadeguatezza.

Ogni ragazzo si passava la chiave che avrebbe liberato la scimmia a nove lingue mentre io tamburellavo le dita sulla gamba e cercavo di immaginarmi nel momento di presentarmi alla classe.

Su quale lettera mi sarei bloccato? Quale sillaba buffa e ripetuta avrebbe attirato i sogghigni maligni dei bambini? Sarei potuto scendere ancora più in basso di quanto già non lo fossi, nella classifica degli sfigati assoluti della classe?

“Mi chiamo Tommaso, ma gli amici mi chiamano Tom. Mi piace molto la chimica e vorrei lavorare in un casa farmaceutica, come mio padre”

“Mi chiamo Andrea e la mia materia preferita è l’inglese. Vorrei impararlo bene per andare a giocare nel Manchester United, visto che sono anche un bravo attaccante”

La pioggia continuava a colpire i vetri, con milioni di piccole gocce trasparenti.

Se solo fossi stato trasparente anche io avrei potuto saltare il mio turno e tornare a respirare.

Invece ero ancora lì e riuscivo ancora a vedermi le mani mentre le sue dita scandivano il ritmo delle presentazioni dei bambini, come corde di un’arpa che mi legava il respiro, imbavagliandolo.

Respiravo con minuscoli respiri sufficienti solo a tenermi in vita e a non disperdere energie verso altre attività fisiche che non fossero la auscultazione attenta dei movimenti esterni, dei passi dei bambini-lupo che si avvicinano al mio corpo.

Ero un piccolo dottore stolto incapace di una cura per la propria malattia.

Completamente assorto nel calcolo della distanza che mi separava dal momento della vergogna, mi ero ormai fatto puro ascolto, prima di divenire pura afonia, continuando a  gingillarmi con lo sfigmomanometro della mia paura.

Non sentivo più la pioggia, eppure ero bagnato.

Non sentivo più i pensieri felici, dove li avevo smarriti?

Riuscivo a captare l’impercettibile brusio del neon, mentre le parole idonee mi sfilavano nella mente, come in una passerella di modelle candidate a “Miss salva discorso”.

Le esaminavo rapidamente apprestandomi a scegliere non  la più bella, non la più nobile, né la più calzante, ma la più facile.

La fatina facile che mi avrebbe aiutato ad aprire il discorso.

“Molto bene, grazie Tommaso. Adesso sentiamo te”

“Oh grazie mille Andrea, che bella presentazione, adesso ascoltiamo il tuo vicino di banco”

Ogni volta cercavo di prepararmi il discorso nella mente.

Ne soppesavo ogni pausa ed ogni parola.

E sembrava sempre così facile, nella mia mente, così fluido, così naturale.

Scorreva sempre così agilmente fino momento di pronunciare la prima sillaba ed a quel punto, puntualmente, il silenzio mi afferrava la gola.

Buongiorno, mi chiamo Dody e ho molti interessi, i principali dei quali sono la prestidigitazione e il nuoto. Mi piacerebbe intraprendere la carriera di prestigiatore professionista, per questo motivo sono un grande ammiratore di Houdini”

Bella presentazione, avrebbe certo fatto un gran colpo.

Figata! Ma impossibile da pronunciare.

Ripresi a formulare tutte le possibili combinazioni di presentazioni. Cesellando accuratamente tutte le parole che non cominciassero per “B”, per “Sc”, per “V” e per “M”, ovvero per tutte quelle lettere o sillabe che proprio mi era impossibile pronunciare.

Non potevo fare a meno di muovere nervosamente le mani sulle gambe, facendole scivolare in avanti e indietro sotto il banco, come per ungere le frasi che andavo intessendo nel cervello e agevolarne quindi la pronuncia.

Mi chiamo Dody e mi piace la prestidigitazione

Mi chiamo Dody e mi piace il nuoto

No, no, la “m” proprio no… “Sono Dody e mi piace la prestidigitazione

No, la prestidigitazione avrebbe fatto ridere.

Sono Dody e mi piace il nuoto

Sono Dody e faccio nuoto

Sì, questa poteva andare.

Sono Dody e faccio nuoto. Sono Dody e faccio nuoto. Sono Dody e faccio nuoto

Forse ce l’avrei fatta.

“Buongiorno Signora Professoressa, mi chiamo Leonardo e la mia più grande passione è l’astronomia. Mi affascina scrutare le stelle e perdermi tra le galassie. Per questo vorrei fare l’astronomo.”

“Sono Dody e faccio nuoto” 130 battiti cardiaci al minuto.

“Che cosa interessante, Leonardo. Tu sei affascinato dalle stelle e noi tutti siamo affascinati da te, vero ragazzi?”

Ecco, il mostro era ormai arrivato a ringhiarmi accanto, doveva anzi avermi già addentato un polpaccio, a giudicare dall’intenso dolore.

“Sono Dody e faccio nuoto” 130 battiti cardiaci al minuto.

“Grazie Leonardo, adesso sentiamo il tuo vicino”

Vicino. Vicino.

Vicino.

Troppo vicino.

Il tempo era arrivato. Il mostro era arrivato.

La scimmia a nove lingue scalpitava feroce e i bambini erano pronti al circo atroce del mio parlare.

Già se la ridevano, lo sapevo.

Era uno spettacolo, d’altronde.

In caso ancora non lo sapeste, i ragazzi mi chiamavano Dody e-e-etchiù. E se la sghignazzavano della grossa, su quel e-e-etchiù.

Ri-sa-te.

Grasse risate pronte ad esplodere nel momento preciso in cui la supplente lupo ha sferrato il suo artiglio smaltato contro di me, colpendomi dritto sulla gola.

Lorenzo aveva liberato la scimmia.

La scimmia era libera.

“Sono Dody e faccio nuoto”

“Sono Dody e faccio nuoto”

“Sono Dody e faccio nuoto” continuavo a ripetermi incessantemente nel cervello.

140 battiti cardiaci al minuto.

Invocai il mio angelo, invocai gli dei della pioggia, invoco lo spirito dell’orsetto Bobby.

Provai a pronunciare la prima “S” di “Sono”, mentre dondolavo in avanti per cercare di espellerla.

Come un colpo di tosse.

Come un materiale organico doloroso.

Dondolavo sulla mia schiena e sul mio polpaccio addormentato, come un gatto morto. Le mani paralizzate sulle cosce.

Solo il rumore della pioggia e le risate sussurrate dei bambini. Queste ultime simili a malefici di stregoni nani.

Invocai ancora il mio angelo e gli dei della pioggia. Ma nulla sembrò funzionare. Nessuno rispose.

Non gli angeli, non gli dei. Men che meno il mio nome ancora incastrato tra i denti e la gola.

Era uno spettacolo di magia, d’altronde.

Ero palesemente braccato nell’angolo soffocante del mio terrore, in cerca di uno scampo. Che non arrivò se non col mio tacere non voluto, con le risate finalmente liberate della classe, con la rabbia della supplente e con la nota sul registro.

Nota stonata di una malinconica melodia.

Non fui neanche solo Dody, in quella mattina di pioggia fitta.  Rimasi solo balbuziente.

Do-dy e-e-e-tchiù.

2.

Fu proprio a causa di quella nota che la notte mi ritrovo a dormire in cantina, e non nel letto della mia cameretta.

Mia madre non l’aveva presa affatto bene, questa storia della nota. E per punizione aveva deciso di farmi trascorrere la notte sulla branda, lì in cantina.

Sapeva bene che non mi piaceva.

Sapeva bene che l’odore di umido e di polvere della cantina mi scatenava l’allergia che mi faceva tossire forte fino a farmi diventare viola.

E sapeva anche che lì faceva freddo e che avevo paura del buio.

E non si vedeva neanche uno spicchio di luna, quella notte, dalla finestrella semichiusa.

Proprio quel giorno in cui avrei voluto chiedere a mia madre di poter acquistare quel nuovo libro di magia  visto in libreria, mi ritrovai con una nota sul registro.

Che sfiga.

Sfi-ga.

Infatti non glielo chiesi. Non ne ebbi il coraggio.

Credo che la balbuzie e la magia fossero le cose che lei detestasse maggiormente. Oltre all’amichetta di mio padre, ovviamente.

Tutti pensavano che la balbuzie dipendesse da me, ma ovviamente non era così.

Erano tutti esperti nell’essere convinti che fosse sufficiente stare calmo e non agitarmi, ma non era così.

Non è così facile.

Non c’è niente di facile, nella vita.

Gli adulti che mi dicevano di stare calmo, avrebbero dovuto saperlo.

Io l’avevo già imparato.

Poi c’era il fatto che mi vergognavo di questa passione per la prestidigitazione.

Cioè, mi vergognavo di dire agli altri che mi piaceva.

Perché non interessava a nessuno, mi pareva.

Come a nessuno interessava il motivo per il quale mi ero rifiutato di fare la presentazione con la supplente di matematica.

A nessuno.

Neanche mia madre mi aveva domandato spiegazioni a riguardo, a dire il vero.

Cioè, la supplente aveva scritto sul registro che mi ero rifiutato di alzarmi e pronunciare il mio nome e per questa ragione mi aveva messo una nota.

Ma nessuno mi aveva chiesto perché mi fossi rifiutato di alzarmi.

Cioè, mia madre lo sapeva, naturalmente. Ma non le piaceva. Ed era per questo che non mi aveva chiesto spiegazioni e mi aveva punito.

Non le piaceva proprio il fatto che io balbettassi, specialmente da quando aveva ricevuto quella lettera dal giudice, e cercava di farmelo capire in ogni modo.

Ma senza fare dirette allusioni.

Si limitava a dire che non capiva perché mi ostinassi a parlare in quel modo da deficiente e che se non la avessi smessa io di mia iniziativa con le buone, ci avrebbe pensato lei a farmi smettere, con le cattive.

Ma mi domando cosa possa esserci di più cattivo di non riuscire a pronunciare il mio nome, il proprio stesso nome che non riesce a divenire parola compiuta.

Sulla mia stessa lingua, con la mia stessa voce.

Lo mandavo giù come un boccone amaro, invece di pronunciarlo a voce alta, in piedi, davanti alla classe e alla supplente di matematica, facilmente come facevano tutti gli altri.

La ingoiavo così di colpo che quasi mi tagliava la gola.

E rimaneva giù, in fondo allo stomaco.

Come lo spicchio di cielo piovoso caduto quella notte in quell’angolo puzzolente di cantina buia, che aveva poi il colore del mio cuore.

E se il suono del mio nome non prendeva forma, mi accorgevo di non avere forma neanche io. Di non esistere. Se non sotto forma di sorriso malefico sulle labbra dei bambini. Quindi non sulle mie.

“Sarò la vostra supplente di matematica.”

Ma come accidenti si riesce a pronunciare tutte quelle esse con così tanta facilità!

Infilai la testa completamente sotto la copertina, come per immergermi in una vasca d’acqua calda.

Sarei voluti annegare. Avrei voluto morire. Mi mancava la mia cameretta e il profumo delle lenzuola pulite appena stirate dalla signora Elda.

Desideravo  sparire come Houdini in una vasca piena d’acqua.

E quella notte il mio cuore era una stanza senza tetto: non riparava dalla pioggia né dai pensieri della notte; ne veniva anzi fagocitato, come in una goccia. Che  poi nient’altro era che una lacrima di sale.

(...)


 

 
fallacie logiche

13033 Costanzana (VC)

www.fallacielogiche.it gorgia1994@live.it

Contatore utenti connessi

realizzazione siti internet novara varese biella vercelli milano
Copyright 2018 www.fallacielogiche.it
All Rights reserved