fallacie logiche

Fallacie logiche, fallacies, fallacie.

Menu principale
Presentazione: principali fallacie
Cerca
1 Siamo più degli altri
2 FALLACIA AD VERECUNDIAM
3 Patata bollente
4 Fallacie in combinazione
5 Ocean eleven
6 Fallacia del nirvana
7 La scelta
8 Errore perduttivo
9 Troll
10 Offeso
11 Opinionista
12 Non l'ho detto
13 Fallacia Naturalistica
14 La cooperazione
15 Halo effect
16 Cavallo che ride
17 Chi è folle?
18 Assoluten
19 Straw man
20 Lavazza
21. In rerum natura
22 Falsa dicotomia
23 Genialità di un condottiero
24 EAUI
25 Ripetuto quindi vero
26 Hate love
27 Il vero scienziato
28 Odino
29 Sono dappertutto
30 Pentimento e conoscenza
31 Bias di conferma
32 Norme morali
33 Orgoglio a buon mercato
34 Oggettività dell'indagine
35 Pendio scivoloso
36 Boccadoro e lo specismo
37 Feyerabend e Aristotele
38 Cigni neri
39 Povero ma felice
40. C. S. Peirce e l' Abduzione
41 La fabbrica del consenso
42 essi più o meno ignorano
43 straw man, relativismo e democrazia
44 la democrazia diretta nell'età di Pericle
45 Attenzione al vestito!
46. Le stronzate
47. L'Effetto Spettatore
48. La Mente Dello Sperimentalista
49 Valori tradizionali
50. volens nolens
51. L. MAGNANI AGGIORNA I. KANT
52. Luogo comune e Senso comune
53. non occorre essere filosofi
54. Il signor Finzione
55. hate speech
56. trasparenza dei valori e oclocrazia
57. Reductio ad Hitlerum
58. l'occhio nel muro
59. La Fallacia Antropocentrica
60. Sulla Meritocrazia
61. Il corpo della donna
62. Inno alla Conoscenza
63. lasciar fiorire tutte le vite
64. Internet, TV e cervello
65. sul relativismo etico
66. Fallacia per implicatura
67. Asintoticamente
68. Realtà 1 e 2
69. nè nè ma
70. Etica della guerra e civili
71. La Purificazione
72. I giovani prima??
73. Modi di scrivere
74. Declassamento del narcisismo
75. Tu non puoi capire!
76. Globalizzazione
77. Gatta ci cova!
78. Il dna dei Bin Laden
79. Da Norimberga in poi
80. Lei, Io e la Fratellanza
81. Polarizzazione di Gruppo
82. La tesi dell'asimmetria
83. sulle definizioni preliminari
84. Sul progresso morale
85. La Logica dell'Avvocato
86. Il ministro Brunetta
87. La Logica della Morte?
88. Sulla natura del ragionamento
89. "seeking chances" ed esperire
90. fuoco e fiamme
91. Oltre l'apparenza
92. Normale e Diffuso
93. Esperienza e Logica
94. Gossip e Potere
95. Creativi non si nasce
96. L'adultocentrismo
97. fanatismo allo specchio
98. assioma e dogma
99. La Fama
100. Scelta e Decisione
101. M. Trainito su U. Eco
102. reasoner before reasoning
103. Essere senza Tempo
104. Immunizzazione cognitiva
105. Caso e Necessità
106. Dissonanza Cognitiva
107. Rovescismo di Chesterton
108. Argomento Ipotetico
109. Post Hoc Fallacy
110. A nescire ad non esse
111. Statistical Fallacies
112. L'onere della Prova
113. Falsa Analogia
114. Vaghezza dei termini
115. Il Paese?
116. Argument from Consequences
117. Bagarre con capra
118. Desiderio non è Verità
119. Contingenza nella causa?
120. Il senso della vita
121. L'Amaro Averna
122. Sul Populismo
123. Effetto Domino
124. Essere e Dover Essere
125. L'Orologio Guasto
126. Sull'Austerità
127. Lo sfigato da 500 Euro
128. Dawkins and The Telegraph
129. Embubblement and Violence
130. Le implicature di Travaglio
131. Mezzo Campo
132. L'Ideologia
133. La società sessuale
134. Sull'Orgoglio
135. Apologia di Palamede
136. Ad Misericordiam
137. Principio di precauzione
138. Tollerare l'intolleranza?
139. Sul revisionismo storico
140. Omologa ed Eterologa
141. L'esclusiva dei Sogni
142. Red Herring
143. Disordinato o Disordered?
144. No, i broccoli no!
145. Sulla Deduzione
146. I Sensi e L'Autorità
147. Non solo scandalo
148. Scientifica o Umanistica?
149. Varallo
150. La coscienza delle piante
151. Il bosone di Sgreccia
152. L'oro e la fame
153. Loaded term: riduzionismo
154. L'amore di Cacciari
155. Darwin
156. Libero Arbitrio?
157. Aspirina e Stato Etico
157 b. Sul "linguaggio fascista"
158. Tre Luminari sull'Aids
159. Through doing morality
160. Socci e San Luca
161. Ad Humanitatem ed Essenza
162. C. Perelman
163. Leggere con la pennellessa
164. Azzeramento alla Polverini
165. Le Pene della Menzogna
166. Una strana coincidenza
167. Il discorso teologico moderno
168. Il gioco della veritá
169. IBE
170. Sul QI
171. Il Circo a Vercelli
172. L'alba della morale
173. Ti Estin
174. Una storia Inquinata
175. Arbitri e Umanisti
176. A colpi di straw man
177. Scienza o Multinazionale?
178. Pluralismo logico
179. Metafore e Verità
180. Diritto alla Carità?
181. Le Travagliate
182. Fallacia del finto tonto
183. It's me
184. Fatti e Interpretazioni
185. Lo scettro
186. Filosofia della Violenza
187. Il rifiuto di Protagora
188. Un messaggio di pace
189. Le massime
190. Il grattacielo e le rime
191. Sulla Coerenza
192. Embodied Cognition
193. Le scarpe più belle
194. Violenza soggettiva e sistemica
195. Sulla "Complessità"
196. Maschi e Femmine
197. Il cane sulla zattera
198. La Valvola di Sfogo
199. Neuroscienze a Vercelli
200. Voto consapevole?
201. Genocidio intellettuale
202. perle ai porci
203. Etica ed Estetica
204. Confabulazione
205. Una retromarcia?
206. I Saggi
207. Alessitimia
208. TdL
209. La Cieca Obbedienza
210. Mostra o Minestra?
211. Fact Checking
212. Tutela al contrario
213. Philarghyrìa
214. Altro mondo non c'è
215. Una storia plurale
216. verità, scienza, potere
217. Benaltrismo
218. Eufemismo
219. Borghese
220. Rai Filosofia
221. Tutto o Niente
222. Furbizia Orientale
223. Disobbedienza civile
224. Fede e Scienza
225. Being purposive
226. Modi di scrivere
227. Acredine di Don Gallo?
228. Complottismo?
229. Perversione Narcisistica
230. Fallacia del Gambler
231. Indissolubile
232. La responsabilità dell'ingannato
234. Contraddizione performativa
235. I Volti della Passione
236. Non solo parole
237. Spontaneo un corno
238. Blaming the victim
239. La Fisiognomica
240. Un Sogno di Rivolta
241. Cari Amici
242. Lobby e Associazione
243. Sui destinatari
244. L'Identità
245. Non Human First?
246. Aggressività e Prevenzione Etica
247. Falsa Univocitá
248. Sui sensi e sui pensieri
249. Cecità attenzionale
250. I pigliatutto
251. Uomo di Paglia
252. Caso Cancellieri
253. Il contratto
254. Può piacere o non piacere ma
255. Lutto ed Empatia
256. Una liturgia
257. Data Dump
258. Comunicazione e scopi
259. Default
260. Tributo Emotivo
261. Non è una preferenza
262. Salotti e Serve
263. Strumentalizzazione dei malati
264. Strumentalizzazione 2
265. Sul Kitekat
266. Animalità
267. Anticausale
268. Reichsjaegermeister
269. Marius
270. Opinione o discriminazione?
272. Riconciliazione
273. Booby Trap
274. Dinosauri stupidi?
275. "argomento" della reciprocità
276. Centonovantaquattro e dintorni
277. Il doppio standard
278. Quaderni Neri
279. Sulla Cronologia della Mente
280. Trivialità e Volgarità
281. La Conventicola
282. Cambiare
283. L'Onda Perfetta
284. Delasia
285. Mr. Bean
286. Dove ci porta la scienza
287. Speculazione sull'oscurità
288. Volo sull'Acheronte
289. La nobile arte dell'insulto
290. Gli esempi limite
291. Anticonformismo?
292. La mente degli altri
293. Opus Metachronicum
294. Ab Ovo usque Ad Mala
295. Ad Temperantiam
296. Fallacia dell'etnomorfismo
297. Oltre la specie
298. Fallacia dell'antispecismo metafisico
299. Fallacia Inversa
300. tanto rumore per un orso
301. Debunking?
302. Sciovinismo descrittivo & Co
303. Legge di Sturgeon
304. La scopa di Occam
305. Logica, Etica e Nutrizione
306. Fallacie Causali
307. Fallacia del Cavallo di Troia
308. Satira e Diffamazione
309. Esempi personali e statistiche
310. Le radici profonde dell'altruismo
311. Bias eiettivo e processo antropodecentrativo
312. Filosofia Bene Comune
313. L'etichetta
314. Fallacia della Piccionaia
315. Uomo di latta e uomo di paglia
316. Animali fuori dalla Costituzione?
317. Uccideresti l'uomo grasso?
318. Errore categoriale
319. Il corpo della modernità
320. Origine dell'uomo
321. Antropomorfismo?
322. Le persone pazienti
323. Superamento dell'utilitarismo
324. Il cervello plastico
325. Il bene relativo
326. Intelligenza e "razze"
327. Dire quello che si pensa
328. Neuroscienze e Diritti Umani
329. L'Obiezione dei Custodi
330. Sessismo e gruppi sociali
331. Ideologi dell'ideologia
332. Riduzione a fallacia
333. Parte in Causa su Radio Radicale
334. L'intelligenza delle emozioni
335. Dennett e Nagel a confronto
336. Fraintendere l'ad verecundiam
337. Fascinazione del contrario
338. Hater and not-me fallacy
339. Istruzioni per un uso consapevole
340. Solo una moda?
341. Nè scusa nè accusa
342. I linguaggi del vivente
343. Sul tatto
344. Nuove parole per l'autismo
345. Freedamned
346. Ne parlano i non ignoranti ...
347. Il cappello piumato
348. Io è una parola di tre lettere
349. Meritocrazia: altri volti
350. La fallacia della borsa di tolfa
351. La ragione dello sragionare
352. Tra inglesismi e indifferenziate
353. Il virus di Giulio Giorello
354. Sul politicamente scorretto
355. Sul negazionismo, variante
356. La tirannia della bellezza
357. Libertà personale e libertà del mercato
358. Fallacia della similitudine estesa
359. Le fallacie logiche sulle donne transgender
360. IRRIVERENDER
361. Il cercatore della pepita di letame
362. Dare voce alle ribelli locali
363. Credere alle cazzate
364. Passing e Sacrificio
365. Buon compleanno MARX, avevi ragione!
366. Patriarcato e moderno controllo della filiazione
367. Femminismo Materialista
368. Femminismo neoliberista e freedom fallacy
369. Libertà ma senza pollo, replica
370. Leggi e individui delle altre specie
371. Educazione sentimentale reazionaria


Fallacie logiche, fallacies, fallacie.

fallacie logiche
362. Dare voce alle ribelli locali
domenica 15 aprile 2018

Proponiamo qui la traduzione di un interessante articolo che non da ultimo ci sentiamo di condividere per la scarsa visibilità data in spazi femministi alla protesta delle ribelli iraniane contro il velo obbligatorio (white wednesdays). Siamo consapevoli del fatto che il femminismo venga spesso strumentalizzato in chiave xenofoba e autoritaria, ma la lotta a tale strumentalizzazione non può neanche condurre all'oscuramento quasi totale delle ribelli locali. Di questa autrice non condividiamo l'impostazione di base su molti aspetti del femminismo o sul femminismo in generale (come si evince da altri articoli), ma in questa riflessione ha colto a nostro avviso un punto importante.

 

Traduzione di Giovanni Fanfoni

Sul carattere essenzialmente occidentale del femminismo intersezionale[1]

 

Le femministe intersezionali sbagliano con le donne musulmane, sopravvalutando le differenze rispetto alla comune appartenenza all’umanità e trascurando, o giustificando, gli abusi che subiscono all’interno delle loro stesse comunità.

Traduzione divulgativa (non professionale) dell’articolo “The Western-Centric Nature of Intersectional Feminism” di Helen Pluckrose https://conatusnews.com/western-centric-intersectional-feminism/

Molti critici del femminismo intersezionale hanno accusato le sue esponenti di non preoccuparsi del benessere delle donne musulmane. Questo non è del tutto vero, ma è facile capire perché hanno avuto questa impressione. Ad esempio, è stata molto contestata la mancanza di supporto alla campagna #StopEnslavingSaudiWomen nonostante la sua ampia diffusione con tweet in lingua inglese.

Tweet n.1 https://twitter.com/amal_l_o/status/862298965261381636

Tweet n.2 https://twitter.com/WCFSW/status/860794329681592324

In tale occasione, le femministe intersezionali sono state accusate di ignorare in gran parte un sistema di oppressione inequivocabilmente patriarcale, qual è il sistema dei guardiani in Arabia Saudita, mentre sono pronte a rintracciare la presenza del patriarcato in molti aspetti della loro società, dalle molestie per strada alla gestione delle emozioni[2].

Tweet n.3 https://twitter.com/ggeorginattyson/status/835599196736585728

Tweet n.4 https://twitter.com/AnnaLarsianna/status/789826170586103808

D’altra parte, i tentativi delle femministe non intersezionali e degli attivisti dei diritti umani per mettere in discussione le violenze commesse in nome della cultura dell’onore vengono spesso bloccati dalle femministe intersezionali, che cambiano immediatamente argomento per parlare delle violenze domestiche subite dalle donne occidentali.

Qualsiasi conversazione sull’orrore delle mutilazioni genitali femminili rischia di essere dirottata sui pericoli che le ragazze stanno correndo attualmente o su una lezione a proposito delle origini pre-islamiche di tale pratica. Ogni tentativo di considerare il carattere discriminatorio del coprirsi il capo per mostrare modestia finirà quasi certamente col provocare la risposta secondo cui le donne musulmane eserciterebbero la propria libertà di scelta e sarebbero magicamente libere da quelle paralizzanti pressioni sociali che le femministe occidentali sostengono invece di subire. Quando una petizione per la criminalizzazione delle molestie per strada e di altri abusi dovuti all’appartenenza di genere https://goo.gl/G5oKEa raccoglie più di 58.000 firme, mentre un’altra petizione per il rafforzamento delle misure di contrasto delle violenze dovute alla cultura dell’onore https://goo.gl/2CT6D5 ne raccoglie solo 406 (e quindi non può essere proposta al Parlamento), si può finire col mostrare comprensione per chi pensa che le femministe occidentali non musulmane si preoccupano soltanto di se stesse.

Tweet n.5 https://twitter.com/6siders/status/778300153400848385

Tweet n.6 https://twitter.com/Sarah_Zundel/status/778409265002188800

Tuttavia, pensare così sarebbe un errore, almeno in parte.

Il problema non nasce dalla convinzione per cui le femministe occidentali non musulmane sarebbero più importanti delle donne musulmane. È molto più complicato di così. Con l’avvento della Critical Race Theory[3], degli studi post-coloniali e della intersezionalità, tutti ispirati al post-modernismo, l’interesse principale della corrente dominante del femminismo si è spostato dai diritti umani universali e dalla sorellanza[4] al relativismo culturale e alle politiche dell’identità. I princìpi universali dei diritti umani, della libertà e dell’uguaglianza sono stati subordinati al riequilibrio della storica ingiustizia occidentale verso il mondo orientale.

A questo proposito, gli studi postcoloniali e il concetto di Orientalismo sono fondamentali. I primi sono un ramo della teoria critica della società[5] che studia le conseguenze del colonialismo e dell’imperialismo, nonché dei comportamenti e dei discorsi che esse innescano. Il secondo, invece, si riferisce a quell’atteggiamento occidentale per cui l’Oriente viene visto come esotico, misterioso, violento, primitivo, ingannevole, lussurioso e pagano. Aveva ragione Edward Said quando nella sua opera rivoluzionaria (intitolata appunto Orientalismo) scriveva così: “Sostenere semplicemente che l’Orientalismo fosse una razionalizzazione a posteriori del dominio coloniale significa ignorare fino a che punto tale dominio venisse giustificato a priori dallo stesso Orientalismo.” Ogni testimonianza scritta che sia compresa tra il Medioevo e la metà del XX secolo ritrae il mondo orientale in questo modo, sebbene occorrerebbe notare come tra il XIV e XVII secolo l’impero Ottomano fosse una potenza mondiale e avesse a sua volta molti stereotipi sull’Occidente. Sta di fatto che l’idea di una intrinseca superiorità occidentale dal punto di vista morale e razionale costituì una giustificazione per l’imperialismo, il dominio e lo sfruttamento.

Quando il cambiamento culturale a favore dell’uguaglianza e dell’universalità dei diritti umani cominciò ad emergere, provocando la nascita del movimento dei diritti civili, la seconda ondata del femminismo e il Gay Pride, idee simili cessarono di essere moralmente sostenibili. L’universalità del liberalismo rifiutava l’idea collettivista dell’identità culturale, reclamava la parità tra persone in quanto individui e forniva le medesime opportunità di accesso a ciò che il mondo occidentale offriva. Tuttavia, con l’avanzare della teoria critica della società, e in particolare del postmodernismo, tutto questo cominciò a essere messo in questione. Si cominciò a sostenere che l’universalità del liberalismo, fondato su valori laici e libertari, esprimesse in fondo valori occidentali, benché esistessero persone laiche e libertarie ovunque nel mondo. Dato che in altre culture le idee religiose e conservatrici erano dominanti, continuare a promuovere il liberalismo veniva considerato come il proseguimento dell’affermazione di superiorità dei valori occidentali su tutti gli altri.

Di più, secondo questo nuovo punto di vista ci sono alcuni errori da correggere. Per la teoria critica della società, che si richiama ampiamente alle idee costruttiviste del postmodernismo, i discorsi formano le realtà sociali e determinano i comportamenti degli individui, diventando conoscenza che richiede di essere decostruita affinché venga disimparata. Quindi non si tratterebbe soltanto di ammettere che “Finora abbiamo sbagliato sottovalutando e opprimendo le donne, le persone che non hanno la pelle bianca, le persone LGBT, e per questo dobbiamo costruire una società dove ciò non accada mai più”. Ci sarebbe invece un intero sistema di pensiero che deve essere smontato e riscritto, prima che si stabilisca un nuovo equilibrio. Si tratta delle idee di genere, sessualità, razza, cultura. Come afferma E.Said, rielaborando alcuni concetti foucaultiani: ”La mia tesi è che, siccome la storia è fatta da uomini e donne, può essere anche disfatta e riscritta, ogni volta con diverse omissioni, ogni volta con immagini imposte e deformazioni tollerate, al punto che i nostri Orienti tornano in nostro possesso e vengono da noi decisi.” 

Perciò in questa forma di attivismo si riscontra una forte pressione ad amplificare e promuovere le idee, l’arte, le credenze e le narrazioni storiche che sono non-occidentali, nonché a svalutare quelle che sono occidentali. Solo così, si spera, uno squilibrio che viene percepito come resistente nella cultura dominante e interiorizzato dagli occidentali potrebbe essere ricomposto.

Tutto questo sembra molto positivo in teoria, ma sfortunatamente in pratica sfocia nella creazione di stereotipi culturali che sono, a dirla tutta, orientalisti, ovvero tali da riprodurre il pregiudizio che cercano di sconfiggere, rinforzando cioè le idee secondo cui la ragione, la scienza e il liberalismo sarebbero esclusivamente per gli occidentali. Non si tratta solo di un esito discriminatorio, ma anche sbagliato. Il Regno Unito, in particolare, soffre di una mancanza di interesse dei suoi abitanti per gli studi scientifici, costringendo il paese ad attirare medici, scienziati e ingegneri dall’India, dal Pakistan e dalla Nigeria: il 10% dei medici del sistema sanitario inglese è costituito da indiani o britannici di origini indiane, benché questo gruppo sociale rappresenti appena il 2.3% della popolazione. C’è da chiedersi cosa farebbero dell’approvazione inglese verso chi sostiene che “La scienza nel suo complesso è un prodotto della modernità occidentale e perciò andrebbe cancellata, riconoscendo piuttosto l’importanza dei paradigmi conoscitivi degli indigeni”, inclusa la stregoneria.

Il problema di questo approccio è che non ammette che i popoli del mondo sono sì diversi, ma condividono molti valori, per cui finisce col prendere in considerazione solo le culture non-occidentali che più differiscono dagli aspetti caratterizzanti il mondo occidentale. Già è offensivo e presuntuoso sostenere che l’idea moderna della conoscenza (la scienza, la ragione, la tecnica) sarebbe unicamente occidentale, diventa anche pericoloso quando si sostiene che lo sono le idee morali (il liberalismo universale, la laicità, la democrazia, l’uguaglianza). Tale atteggiamento costringe i popoli non-occidentali nella soffocante, antiscientifica, irrazionale, illiberale, superstiziosa e oppressiva immagine che si cercava di condannare in quanto orientalista. Lo stesso atteggiamento che è alla base degli attacchi contro i musulmani progressisti e agli ex-musulmani, accusati di essere stati addomesticati.

È fondamentale riconoscere che tutto questo non è solo estremamente razzista, ma è anche un modo per continuare a interpretare ogni cosa dal punto di vista occidentale, imponendo un’identità limitante sugli altri. I teorici postcoloniali e gli attivisti che si ispirano a essi stanno continuando a definire l’Oriente, ad avere il controllo della narrazione, a guardare verso i popoli non-occidentali come complementari a quelli occidentali, che restano la pietra di paragone. Semplicemente sono passati dal considerare l’Occidente come l’unico posto al mondo dove fioriscono la scienza, la razionalità e l’etica liberale, intese come positive ed emancipatrici, al considerarlo come l’unico posto in cui fioriscono i suddetti fenomeni, salvo che ora sono ritenuti negativi e intrinsecamente oppressivi.

Questo atteggiamento è in larga parte dovuto a un tentativo di riequilibrare le discriminazioni che subiscono alcune minoranze all’interno dei paesi occidentali. Tuttavia, esso deriva anche da un cambiamento del concetto che l’Occidente ha di sé e da come le Sinistre preferiscono considerare se stesse, mostrando quindi un ampio grado di narcisismo. Un tempo, lo sguardo imperialista era rassicurante, così gli occidentali potevano raccontare a se stessi che stavano offrendo valori positivi e un qualche ordine a popoli meno illuminati. Ora invece, presso un certo tipo di Sinistra risulta rassicurante il risveglio postcoloniale che prova vergogna per le azioni perpetrate dai progenitori, compiacendosi del senso di colpa e di una nuova consapevolezza degli errori compiuti, per cercare di porre rimedio a essi. Sfortunatamente, ciò richiede l’adeguamento della parte offesa ad agire in modo complementare rispetto all’Occidente, per cui solo coloro i quali condividono questa immagine manicheista e semplicistica della loro stessa cultura e di quella occidentale ricevono sostegno.

Nel tentativo di valorizzare le culture orientali, le attiviste del femminismo intersezionale decidono cosa possa essere autentico e cosa sarebbe imposto dagli occidentali. Così, elementi culturali ritenuti positivi o neutri (l’abbigliamento, l’arte, le esperienze spirituali o il simbolismo) vengono spesso trasformati in feticci e messi fuori discussione, mentre gli aspetti negativi (il fondamentalismo religioso, la violenza settaria, l’instabilità politica) sono considerati come un mero prodotto degli interventi occidentali. Il fatto che i paesi orientali abbiano una storia lunga e complessa, ricca di valori religiosi e culturali consolidati che esistono indipendentemente dai paesi occidentali viene ampiamente trascurato. Questo modo di pensare limita fortemente le persone che desiderano affrontare argomenti simili e spesso finisce col zittire e denigrare i tentativi degli ex-musulmani, dei musulmani riformisti o progressisti di criticare la propria religione e la propria cultura.

Quando si tratta di quei valori che non possono essere considerati positivi, né possono essere plausibilmente attribuiti alle interferenze militari dei paesi occidentali (la disuguaglianza di genere, la violenza del codice d’onore contro le donne, la persecuzione delle persone  LGBT), gli attivisti, che sostengono le teorie postcoloniali, finiscono di solito col tentare di minimizzare il problema, cercando di ricondurre tali valori a prodotti di un patriarcato universale, misogino e omofobico. Ciò appare ai loro critici un tentativo egoistico di sentirsi in colpa alle spese delle donne e delle persone LGBT che soffrono una grave e spesso esiziale oppressione nel mondo islamico, così come in altre culture intensamente religiose. Tuttavia, le attiviste sono così intente nel dare importanza e difendere i diritti di quella che, nei paesi occidentale, costituisce una minoranza, da non supportare, se non addirittura da ostacolare, le minoranze dei difensori dei diritti umani, delle femministe, dei sostenitori dei diritti delle persone LGBT e dei progressisti che vivono nei paesi islamici e nelle comunità musulmane.

Post Fb n.1 https://goo.gl/oyHkJZ

A questo punto è chiaro come le femministe intersezionali non soffrono di una mancanza di attenzione verso le donne musulmane, ma sono fortemente concentrate sulla pur importante causa del contrasto all’odio anti-islamico, specialmente se colpisce le donne, ovvero quello che è uno dei segnali più visibili dell’essere musulmani: l’hijab. Ci sono numerose e preoccupanti denunce di abusi e persino violenze contro le donne che lo indossano. Di conseguenza, molte femministe hanno scritto articoli in difesa dell’hijab, presentandolo come un oggetto compatibile col femminismo e arruolando le donne che lo indossano come attiviste dei diritti delle donne, nonostante il fatto che molte donne musulmane che vivono nei paesi occidentali non lo indossano e molte femministe musulmane, come anche non musulmane e progressiste, criticano l’hijab a causa del carattere discriminatorio del concetto di “modestia” che evoca.

Tweet n.7 https://twitter.com/SarahTheHaider/status/775874403187982336

Tweet n.8 https://twitter.com/aliamjadrizvi/status/873208658783555589

Poiché le femministe protestano ovunque, dall’Iran all’Arabia saudita, contro l’obbligo di portare l’hijab e, in molte altre parti del mondo, denunciano le pressioni per indossarne uno e contestano il concetto di modestia femminile, desta preoccupazione vedere che le femministe occidentali, nella loro fede cieca per l’intersezionalità, rinforzano tali abusi. Si potrebbe dire che stiamo esagerando e che in fondo le loro intenzioni sono buone. Tuttavia, la ristrettezza di vedute con cui le femministe affrontano questioni sulle quali le donne musulmane dissentono chiaramente e la loro tendenza a impegnarsi solo quando vi sono abusi da parte dei bianchi non musulmani rischiano di produrre conseguenze ancora più gravi.

In Inghilterra e nel Galles, ci sono state 4.400 denunce di reati d’odio commessi per motivi religiosi nel 2015/2016, per lo più senza danni, ma non perciò meno gravi, ed è ragionevole supporre, dato che si è trattato spesso di picchi seguiti ad attentati terroristici di matrice islamista, che la maggior parte delle vittime fossero musulmane. Questo è un problema grave che non va trascurato, ma non è l’unico rischio che corrono i musulmani britannici, per cui dovrebbero preoccuparsi le femministe. Infatti, la polizia ha registrato 11.000 casi di crimini legati al codice dell’onore tra il 2010 e il 2014: dalle percosse ai rapimenti, fino ai femminicidi. I dati sono considerati parecchio inferiori all’entità del fenomeno. Inoltre, sono stati registrati 5.700 casi di mutilazioni genitali femminili nel periodo 2015/2016, 1.428 casi di matrimoni forzati (minacciati o realizzati) solo nel 2016, dove le vittime erano per lo più femmine. Anche per questi dati si stima che i valori siano molto inferiori alla realtà. Tutti questi comportamenti, che provocano gravi danni fisici, se non la morte, e comunque la perdita della libertà, costituiscono gravi violazioni dei diritti umani. La preoccupazione delle femministe intersezionali per il fatto che denunciare pubblicamente gli abusi commessi contro le donne musulmane da altri musulmani possa generare ulteriore odio nei loro confronti non è infondata, anzi va presa sul serio, tuttavia queste violazioni dei diritti umani devono essere affrontate comunque. Il modo migliore per farlo è offrire il proprio supporto a quanto stanno già facendo le femministe, i progressisti e i riformisti (ex-)musulmani.

Sarebbe un errore pensare che le femministe intersezionali che sottovalutano le violazioni dei diritti umani commesse in nome dell’Islam siano indifferenti al benessere delle donne musulmane e desiderino invocare lo status di vittime solo per se stesse, tuttavia sarebbe un errore comprensibile. In realtà, il femminismo intersezionale finisce con l’essenzializzare e valorizzare, esaltare e romanticizzare gli stereotipi culturali di gruppi minoritari, concentrandosi solo sugli abusi commessi da persone bianche e occidentali, a causa del desiderio di raddrizzare i torti del passato e le loro persistenti conseguenze. Inoltre, tale femminismo desidera costruire, in modo autolesionista, una nuova identità occidentale progressista che risulta narcisista, divisiva e essenzializzante. In questo modo, esso impedisce alle femministe musulmane ed ex-musulmane, progressiste e riformatrici di criticare e di cambiare la loro religione e la loro cultura, domandando loro di non farlo. Inoltre, distoglie l’attenzione dal fatto di appartenere a una sola umanità, dal valore dell’individualità e dai tentativi di costringere le persone all’interno di stereotipi culturali. Tutto sommato, è un femminismo occidentalizzante e orientalistico, incapace di difendere i diritti delle donne e la loro libertà in modo coerente. Per favore, lasciate perdere.


[1] NdT: breve articolo divulgativo sul concetto di intersezionalità https://goo.gl/w4JbKY

[2] NdT: emotional labour indica lo sforzo e il controllo necessari per dare espressione a quei sentimenti che un’organizzazione considera positivi e utili ai propri scopi cit. Mario Perini, L’organizzazione nascosta, Franco Angeli 2007, p.85

[3] NdT: una teoria critica del diritto, che non solo ne sveli i presupposti e i meccanismi di conservazione del potere, ma ne smascheri i pregiudizi razziali cfr. http://www.juragentium.org/forum/race/it/moschel.htm 

[4] NdT: Sisterhood mutuato dalla terza parola del famoso motto della rivoluzione francese: Fraternité

 

 

 

 
fallacie logiche

13033 Costanzana (VC)

www.fallacielogiche.it gorgia1994@live.it

Contatore utenti connessi

realizzazione siti internet novara varese biella vercelli milano
Copyright 2018 www.fallacielogiche.it
All Rights reserved